Ultimo aggiornamento alle 20:25
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Presunte molestie al “Valentini-Majorana”: interpellanza di 40 parlamentari per «fare luce sul rientro della dirigente»

La richiesta di «trasparenza» sul liceo finito al centro delle cronache per presunti casi di molestie sessuali di un docente su diverse alunne

Pubblicato il: 19/07/2022 – 16:22
Presunte molestie al “Valentini-Majorana”: interpellanza di 40 parlamentari per «fare luce sul rientro della dirigente»

CASTROLIBERO «Quaranta deputate e deputati hanno sottoscritto l’interpellanza a prima firma mia e di Cecilia D’Elia, responsabile nazionale della Conferenza delle donne Pd. Merita, infatti, ogni opportuno approfondimento ed esige la massima trasparenza il rientro in servizio della dirigente dell’istituto superiore “Valentini-Majorana” di Castrolibero – finito a febbraio 2022 al centro delle cronache nazionali per presunti casi di molestie sessuali di un docente su diverse alunne e, qualche mese prima, anche di un feroce caso di bullismo». Ad affermarlo la parlamentare del Pd, Enza Bruno Bossio, che aggiunge: «Il ritorno della dirigente ha, d’altro canto, destato nella comunità scolastica e non solo molta preoccupazione e più di una perplessità anche perché avvenuto nel pieno svolgimento degli esami di maturità».

«L’obiettivo è fare luce sugli esiti della ispezione ministeriale»

«L’obiettivo dell’interpellanza urgente al Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi – prosegue la parlamentare – è proprio quello di fare luce sugli esiti della ispezione ministeriale disposta all’epoca nell’istituto. In particolare, si chiede  “quali siano stati i risultati dell’ispezione disposta dal Ministero”- e ancora – “per quali motivi non si sia data in maniera trasparente notizia degli esiti della stessa ispezione ministeriale” e “se siano state valutate, con la dovuta attenzione che il caso richiede, le evidenti ragioni di opportunità nel consentire alla dirigente di rientrare in servizio proprio nel momento in cui gli studenti tenevano gli esami di maturità, dal momento che a sostenere le prove era anche una delle ragazze che ha denunciato le molestie”. Inoltre, intendiamo sapere se il Ministero “intenda procedere a ulteriori ispezioni, alla luce di indiscrezioni trapelate in riferimento ad ulteriori rivelazioni sullo svolgimento dei fatti accaduti” e “quali determinazioni si intendano assumere per evitare che la presenza della dirigente scolastica possa turbare  il sereno svolgimento delle attività scolastiche e, soprattutto, prevenire che fatti analoghi non si ripetano più in questa scuola né in altre parti del nostro Paese, affinché le molestie e la cultura sessista non abbiano ragione di esistere in una istituzione  che è preposta alla formazione delle giovani generazioni».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x