Ultimo aggiornamento alle 19:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

No alla Via in selvicoltura

Comparto forestale annuncia «imponente» protesta sotto la sede della Regione

Titolari delle aziende porteranno 54 mezzi pesanti. Pullman con oltre 500 tra operai e proprietari forestali. Le ragioni della mobilitazione

Pubblicato il: 24/07/2022 – 23:54
Comparto forestale annuncia «imponente» protesta sotto la sede della Regione

CATANZARO «Domani moltissimi mezzi e centinaia di persone per sbloccare il taglio dei boschi». È quanto annunciano le associazioni Anpa (Associazione nazionale produttori agricoli), Liberi agricoltori (Confederazione italiana liberi agricoltori) e Confagricoltori che annunciano una manifestazione del comparto forestazione presso la cittadella regionale per domani mattina, motivando in un comunicato stampa le ragioni della mobilitazione. I titolari delle aziende boschive e delle aziende di trasformazione porteranno sotto la sede della Regione 54 mezzi pesanti, mentre con i pullman arriveranno da tutte le province oltre 500 persone tra operai e proprietari forestali.
«Un terremoto si è abbattuto sul mondo forestale calabrese – si legge nel comunicato firmata da Giuseppe Mangone e Giovambattista Benincasa –, i boschi delle nostre montagne, sfruttati in maniera sostenibile, sin dai tempi dei romani, rischiano dopo secoli di utilizzo, di diventare dei vetusti musei ecologici abbandonati alla mercé delle fiamme».
«Tutto è incominciato nel febbraio scorso – spiegano – quando la giunta regionale, ha recepito con delibera le linee guida nazionali, sancendo che per poter procedere a qualsiasi tipo di attività selvicolturale è necessaria la valutazione di incidenza ambientale provocando così il blocco totale di tutte le attività forestale».
«Per fare capire meglio il disastro che si sta provocando – annotano Mangone e Benincasa –, basta evidenziare il seguente dato: sono giacenti presso il dipartimento forestazione, da quasi 10 anni, più o meno 300 piani di gestione. Facendo una media piano/ettaro, sono congelati a seguito della suddetta delibera di giunta, la bellezza di 90 mila ettari di boschi, che trasformati in soldoni corrispondono alla modica cifra di circa 27 milioni di euro».
«Questo è il danno attuale – sottolinea il comunicato – che i proprietari forestali, le aziende boschive, le aziende di trasformazione e chi lavora nei boschi rischia di subire! Non possiamo permettere all’economia calabrese questa sciagura, non possiamo permettere che qualche burocrate senza coscienza, faccia perdere il lavoro a migliaia di persone. Abbiamo tentato in mille modi e senza risultato la mediazione e il dialogo». «Dopo una serie di promesse non mantenute, purtroppo – annunciano le associazioni del comparto –, non ci resta altro da fare che protestare. Infatti per domani 25 luglio è prevista una massiccia mobilitazione dell’intero settore. I titolari delle aziende boschive e delle aziende di trasformazione porteranno sotto la sede della Regione 54 mezzi pesanti, mentre con i pullman arriveranno da tutte le province oltre 500 persone tra operai e proprietari forestali». «A coadiuvare gli organizzatori della manifestazione, Mangone e Benincasa – informa la nota –, ci saranno diversi agronomi-forestali che spiegheranno ai presenti ed eventualmente ai dirigenti regionali quali soluzioni tecniche potrebbero essere applicate per risolvere i problemi. Comunque non siamo solo preoccupati per la parte economica e lavorativa bensì anche per la cura e la manutenzione dei boschi, pratiche necessarie anche dal punto di vista di una corretta gestione delle acque superficiali, per prevenire il dissesto idrogeologico e soprattutto per prevenire gli incendi». «Siamo pienamente convinti – dichiarano ancora i rappresentanti delle Organizzazioni agricole e forestali – che il bosco non debba essere lasciato a sé stesso, l’uomo deve intervenire per le necessarie pratiche di silvicoltura. La manifestazione infine avrà lo scopo di proporre la modifica delle linee guida, chiederemo con forza e a gran voce che vengano approvati immediatamente i piani di taglio e contestualmente che gli interventi in essi contenuti non siano assoggettati all’autorizzazione di valutazione di incidenza ambientale (Vinca)». «A tal proposito – conclude la nota – invitiamo ancora una volta i nostri rappresentanti politici regionali a prendere spunto dalla Regione Toscana che ha saputo coniugare, nell’applicazione e introduzione delle linee guida, sviluppo sostenibile, tutela ambientale e paesaggistica».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x