Ultimo aggiornamento alle 22:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il progetto

Rende, Federazione riformista: «Fusione? Si passi prima all’Unione dei comuni»

Per il gruppo consiliare è meglio giungere all’obiettivo per step. «Questione troppo seria per lasciarla a qualche improvvisato “statista” di Ferragosto»

Pubblicato il: 01/08/2022 – 15:17
Rende, Federazione riformista: «Fusione? Si passi prima all’Unione dei comuni»

RENDE «La prospettiva della città unica è questione troppo seria per lasciarla a qualche improvvisato “statista” di Ferragosto». Lo affermano in una nota Mariapia Galasso, Clelio Gelsomino, Fabio Liparoti, Sandro Principe, segretario, presidente, vice segretario e capogruppo consiliare di Federazione Riformista.
«È opportuno, arrivati a questo punto, ribadire ancora una volta la posizione sul punto dei riformisti rendesi. La Federazione Riformista di Rende – proseguono –  ha ripetutamente manifestato il suo consenso alla formazione della Città Unica tra i comuni di Cosenza, Rende, Castrolibero e Montalto Uffugo, in attuazione di un progetto, chiaro nei suoi contenuti, da sottoporre al vaglio dei cittadini dei comuni interessati e seguendo un percorso istituzionale preventivamente ben definito. A nostro modesto avviso, infatti, è opportuno pervenire, in una prima fase, alla unione dei quattro comuni, per verificare da subito la gestione unitaria della programmazione territoriale e dei servizi più importanti per i cittadini e cioè il servizio idrico, dei rifiuti, del sociale, dei trasporti e di tutto ciò che è necessario per contribuire alla autosufficienza energetica, alla tutela e valorizzazione dell’ambiente e per creare opportunità di occupazione, soprattutto, per le donne e per i giovani».
«Naturalmente, se le prove tecniche di gestione, consentite dall’istituto della Unione tra Comuni, dessero risultati positivi, prima di andare oltre sarà necessaria una attenta verifica della situazione finanziaria e patrimoniale dei comuni interessati – spiegano – onde evitare situazioni di disequilibrio tra i cittadini delle varie comunità. Dalle attività, dalle gestioni unitarie e dalle verifiche sopra evidenziate, deve scaturire il progetto di fusione e di istituzione della città unica tra Cosenza, Rende, Castrolibero e Montalto Uffugo, da sottoporre, innanzitutto, al vaglio dei Consigli Comunali degli enti interessati e, successivamente, al voto dei cittadini delle medesime comunità. Va’ senza dire che, il progetto di città unica deve ottenere il voto favorevole della maggioranza dei votanti di ogni singolo comune, condizione questa prevista dalle leggi, onde evitare che la fusione diventi una annessione dei comuni più piccoli al comune più popoloso. In altri termini, è nostra opinione che le prove di città unica debbono passare dalla fase dell’unione tra i comuni, prevista dalla legislazione vigente, la cui istituzione è percorribile con estrema facilità, al fine di verificare la fattibilità del progetto di città unica. A supporto della nostra tesi, da anni ci piace paragonare la città unica ad un matrimonio. L’esperienza ci insegna che i matrimoni – concludono Galasso, Gelsomino, Liparoti e Principe – che fanno seguito ad un adeguato periodo di fidanzamento, hanno lunga durata, mentre nella realtà della vita è successo che i matrimoni, scaturiti dal cosiddetto “colpo di fulmine”, hanno fatto registrare spesso il ritorno degli sposi dalla “luna di miele” imbarcati su aerei diversi».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x