Ultimo aggiornamento alle 7:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

Notizie dall’Ateneo

Università “Magna Graecia”, entro l’8 agosto le iscrizioni al dottorato in Medicina digitale

Ventisette insegnamenti e 21 seminari a scelta degli studenti. Le domande dovranno pervenire alla segreteria dell”Ateneo

Pubblicato il: 01/08/2022 – 16:59
Università “Magna Graecia”, entro l’8 agosto le iscrizioni al dottorato in Medicina digitale

CATANZARO «Il dottorato di Medicina digitale, quest’anno istituito dall’Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro, ha come obiettivo principale lo sviluppo e l’acquisizione di nuove conoscenze integrate di medicina, biotecnologia, ingegneria informatica e biomedica necessarie per la medicina del futuro, dove le nuove applicazioni dall’intelligenza artificiale alle tecnologie biomediche avanzate rappresenteranno la base fondamentale per il miglioramento della salute dell’uomo. Proprio per queste ragioni, il progetto formativo del dottorato si rivolge a studenti laureati in medicina, biologia, biotecnologie, informatica, ed ingegneria biomedica». Lo riporta una nota dell’Università “Magna Graecia” di Catanzaro che aggiunge: «In particolare, il corso di dottorato di Medicina Digitale ha l’obiettivo di offrire ai giovani dottorandi una formazione moderna nel campo della salute digitale che sia al tempo stesso teorica e pratica».
«Attraverso un programma di didattica teorica costituito da 27 Insegnamenti e 21 Seminari a scelta – si legge – i dottorandi saranno introdotti nel meraviglioso mondo della medicina digitale che rappresenta la medicina del futuro. Gli insegnamenti teorici sono stati pertanto appositamente progettati per fornire nuove conoscenze in settori diversi del sapere (biomedico, biotecnologico, statistico, informatico) così fa formare ricercatori esperti in grado di lavorare nell’interfaccia tra scienze della salute, scienze di base e scienze informatiche e biotecnologiche. Gli studenti avranno anche l’opportunità di partecipare a workshop specifici e sviluppare potenziali relazioni con diverse realtà del mondo produttivo, inclusi piccole start-up sanitarie, grandi aziende tecnologiche, organizzazioni di assistenza sanitaria e aziende farmaceutiche».
«Parallelamente al corso teorico – si legge ancora nella nota – gli studenti saranno introdotti e guidati nel mondo della ricerca ‘industriale’ attraverso progetti di ricerca sperimentale di 3 anni, che si svolgeranno sotto la supervisione di un tutor specializzato; ciascun progetto sarà completato da un periodo di formazione all’estero di almeno 6 mesi in prestigiosi istituti di ricerca europei ed americani. Il dottorato ha un modello estremamente innovativo che prevede fin dall’inizio la selezione di un progetto di ricerca da parte di ciascun vincitore che potrà così cercare di realizzare i suoi sogni e le sue ambizioni scientifiche. Ogni progetto ha un suo specifico tutor che seguirà il dottorando in tutto il periodo formativo teorico-pratico».
«In concreto – spiega il comunicato – il dottorato di Medicina digitale affronta attività teoriche e sperimentali suddivise in 4 grandi aree di ricerca: Le basi molecolari e cellulari delle malattie croniche rare e non trasmissibili; La modellistica cellulare e tissutale per la ricerca pre-clinica e clinica; Le tecnologie digitali per la diagnostica avanza; L’innovazione tecnologica per i “medical devices”».
«Queste 4 aree di ricerca – precisa la nota – sono organizzate in progetti scientifici ripartiti tra i 2 diversi curricula; ciascun vincitore potrà selezionare un solo progetto in uno dei due curricula secondo il suo interesse scientifico. Primo Curriculum: innovazione nella ricerca di base e clinica per le malattie croniche rare e non trasmissibili: in breve, questo curriculum prevede progetti di ricerca triennali focalizzati sulla “Ricerca Fondamentale”, cioè progetti basati su attività di laboratorio volta ad acquisire nuove conoscenze su problematiche fondamentali di interesse biomedico, sui meccanismi molecolari di malattie croniche, sulle basi farmacologiche delle nuove terapie senza che siano previste immediate applicazioni pratiche o utilizzazioni commerciali. Secondo Curriculum: Tecnologiche innovative per la medicina digitale e le terapie avanzate: in questo curriculum saranno presenti progetti scientifici di “Ricerca Industriale”, e cioè finalizzati ad acquisire nuove conoscenze da utilizzare per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi o servizi per il miglioramento della salute dell’uomo. Parte importante di queste ricerche saranno quelle finalizzate alla realizzazione di prototipi di medical devices innovativi da utilizzare per il miglioramento della diagnostica e/o terapia medica anche mediante l’uso della telemedicina».
«Le iscrizioni al corso e la relativa scelta del curriculum e del progetto formativo – conclude la nota – sono aperte fino all’8 agosto 2022. Informazioni specifiche a questo sito».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x