Ultimo aggiornamento alle 23:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’evento

Vibo, “Segni dei Tempi”: dialogo tra antichi documenti d’archivio e opere d’arte contemporanea

La mostra è organizzata dall’Archivio di Stato di Vibo Valentia e dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria

Pubblicato il: 05/10/2022 – 9:45
Vibo, “Segni dei Tempi”: dialogo tra antichi documenti d’archivio e opere d’arte contemporanea

VIBO VALENTIA Nelle sale dell’Archivio di Stato di Vibo Valentia sabato 8 ottobre 2022, alle ore 10,30, sarà inaugurata la mostra Segni dei tempi. Dialoghi tra testamenti segreti e arte contemporanea. La mostra è organizzata dall’Archivio di Stato di Vibo Valentia e dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria, in collaborazione con la sezione Calabria e Basilicata dell’Associazione nazionale archivistica italiana, il MACA – Museo arte contemporanea Acri, la Fondazione Cesare Berlingeri e l’Archivio Lia Drei & Francesco Guerrieri.

La mostra

L’evento si inserisce nel novero delle manifestazioni organizzate in occasione della “Domenica di Carta” 2022 del Ministero della cultura e aderisce alla “XVIII Giornata del Contemporaneo” dell’AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani. L’intento del progetto espositivo, coordinato da Giulia Barrera – soprintendente archivistica e bibliografica della Calabria e direttrice ad interim dell’Archivio di Stato di Vibo Valentia – e curato da Antonella Bongarzone e Gemma-Anaïs Principe – archiviste della Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria – è quello di creare un dialogo tra antichi documenti d’archivio e opere d’arte contemporanea.

L’Archivio di Stato di Vibo Valentia conserva un fondo archivistico di atti notarili (1547-1895) che comprende al suo interno una piccola serie di “Testamenti segreti” (1614-1893). I testamenti segreti erano di norma consegnati dal testatore al notaio chiusi e sigillati, affinché fossero aperti solo alla morte di questi e su istanza degli eredi. Se nessuno degli interessati ne richiedeva l’apertura o se un nuovo testamento veniva redatto senza che il testatore ritirasse il precedente, rimanevano chiusi presso l’ufficio del notaio, per poi essere versati all’Archivio di Stato assieme agli altri atti.

La location

La scelta curatoriale della mostra, ovvero porre in dialogo l’arte contemporanea con i documenti archivistici, trova fondamento nelle pratiche artistiche e nelle poetiche di ricerca sviluppate dalle artiste e degli artisti – individuati tra nomi già storicizzati e altri che si stanno affermando sulla scena dall’arte contemporanea –, i cui lavori richiamano a una nuova significazione del segno e a una percezione atemporale della storia, con l’intento di riscriverla e plasmarla attraverso il gesto artistico. Il nucleo di artisti è costituito da Caterina Arcuri, Alberto Badolato, Cesare Berlingeri, Annamaria Brissa, Rosella Cerra, Lia Drei, Niccolò De Napoli, Angelo Gallo, Francesco Guerrieri, Max Marra, Alessio Patalocco, Antonio Saladino, Angelo Savelli, Emilio Scanavino, Massimo Sirelli, Giulio Telarico e Silvio Vigliaturo. La mostra rimarrà aperta al pubblico, con ingresso gratuito, fino all’8 dicembre 2022 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00. Saranno inoltre previste iniziative dedicate alle scolaresche e diverse aperture straordinarie, la prima delle quali fissata per domenica 9 ottobre dalle 9.00 alle 13.00.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x