Ultimo aggiornamento alle 23:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

le misure

Artigianato, continuano i ristori grazie all’Ente Bilaterale ma la diminuzione delle casse integrazioni fa temere i licenziamenti

D’Errico: «Anche i piccoli segnali rappresentano un momento di vicinanza alla gente comune che vive sempre più spesso difficoltà»

Pubblicato il: 07/10/2022 – 17:45
Artigianato, continuano i ristori grazie all’Ente Bilaterale ma la diminuzione delle casse integrazioni fa temere i licenziamenti

CATANZARO Un ruolo importante nel sostegno agli artigiani e che soddisfa a pieno il presidente dell’Ebac, Ente Bilaterale Artigianato Calabria, Paolo D’Errico. A margine del consiglio direttivo che ha riguardato proprio gli aiuti concessi ai lavoratori del comparto, tirando le somme il numero uno dell’ente ha commentato così la situazione: «In poche settimane abbiamo offerto ad una platea di oltre diecimila iscritti ed in regola con la bilateralità, la possibilità di potere richiedere un bonus luce di 200 euro per i lavoratori full time e di 300 per i meno fortunati part time. In questo contesto economico-sociale – ha sottolineato il presidente – vuol dire sostenere concretamente le famiglie calabresi le quali spesso sono mondoreddito». «Certo – ha commentato ancora D’Errico –  la misura messa in campo, non risolve il problema di una crisi energetica senza precedenti, ma anche i piccoli segnali rappresentano un momento di vicinanza e conforto alla gente comune che vive ogni giorno e sempre più spesso difficoltà dovute ai vertiginosi rincari  dei beni essenziali». Anche il vice presidente Luigi Veraldi, si dice fiducioso nel sistema di supporto messo in piedi dalla bilateralità ma si sofferma sulla necessità che «il sistema pubblico regionale intervenga con misure urgenti e non più differibili legate soprattutto al costo dell’energia elettrica sfruttando magari, quelle che sono le grandi produzioni di energia pulita che la Calabria offre a tutto il paese. Dopo la crisi innescata dal Covid, nell’artigianato calabrese, continuano dall’Ebac, si è passati dagli oltre 60 milioni di euro di cassa integrazione erogati nel 2020 e 2021 a poco più di trecentomila euro ad oggi impegnati e quasi interamente liquidati del 2022. Un dato che, se inizialmente è stato interpretato positivamente, adesso induce le parti sociali dell’artigianato a fare un ulteriore riflessione, infatti il permanere della domanda di cassa integrazione a livelli bassi, in un momento di oggettive difficoltà congiunturali e produttive, potrebbe essere indice di un malessere che, se accertato, sarebbe ancora più grave rispetto a quello del Covid. Insomma, le imprese indotte in continui sbalzi di umore dei mercati e della domanda, potrebbero essere sul punto di decidere se resistere, chiedendo l’accesso a nuovi ammortizzatori sociali, oppure gettare la spugna e passare direttamente ai licenziamenti. Se ciò si verificasse, in Calabria sarebbe un disastro sociale senza precedenti». Nella nostra regione, spiega l’Ebac, «il mondo dell’artigianato rappresenta, dopo l’agricoltura, il secondo comparto produttivo più importante che impiega decine di migliaia di lavoratori. Confartigianato CNA  Casartigiani insieme a CGIL CISL UIL, con le prestazioni economiche ed i servizi erogati nell’ambito della Bilateralità  stanno dimostrando di sostenere concretamente il settore, non solo con richieste specifiche alle istituzioni pubbliche, ma anche con interventi diretti erogati dagli Enti di loro emanazione».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x