Ultimo aggiornamento alle 22:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La recensione

«La storia vera di Bergamini, il calciatore ucciso due volte»

A processo ancora in corso a Cosenza esce un nuovo libro su Denis Bergamini. La storia di Donato (Denis) Bergamini è tristemente nota: il 18 novembre 1989 il suo corpo venne trovato esanime lungo …

Pubblicato il: 12/10/2022 – 13:51
di Filippo Veltri
«La storia vera di Bergamini, il calciatore ucciso due volte»

A processo ancora in corso a Cosenza esce un nuovo libro su Denis Bergamini. La storia di Donato (Denis) Bergamini è tristemente nota: il 18 novembre 1989 il suo corpo venne trovato esanime lungo la Statale 106, nei pressi del Castello di Roseto Capo Spulico, in provincia di Cosenza. Era nel pieno di una carriera in ascesa – all’epoca militava nelle fila del Cosenza (in Serie B) e aveva già un accordo per passare a fine campionato in una squadra di A –, ma la sua vita venne interrotta bruscamente a soli 27 anni da quello che gli inquirenti di allora archiviarono come suicidio. Un verdetto fondato soltanto sulla testimonianza della ex fidanzata di Denis, Isabella Internò, e di un camionista che sosteneva che il ragazzo si fosse gettato all’improvviso sotto al suo autocarro che passava di lì, ignorando tutte le altre prove contrarie. Una ricostruzione dei fatti che, però, non ha mai convinto né la famiglia né gli amici che conoscevano bene Denis e la sua voglia di vivere.
In questo libro, che si legge tutto d’un fiato come un giallo ed emoziona come un romanzo, Francesco Ceniti ripercorre l’incredibile tiramolla giudiziario, durato oltre trent’anni, che sembra partorito dalla mente di uno sceneggiatore sadico sino al momento in cui la verità è venuta a galla: Denis è stato ucciso. E dà voce a una famiglia che ha lottato tenacemente contro tutti finché non è riuscita a rendere giustizia al proprio figlio e fratello. Nel nome di Denis, del suo amore per lui.

FRANCESCO CENITI, è nato a Roma la vigilia del Natale 1969, ma è cresciuto in Calabria, dove si è laureato in Lettere moderne e ha calcato i campi di calcio (fino alla C2). Giornalista, dal 2003 è a La Gazzetta dello Sport dove si è occupato di inchieste, reportage e arbitri. Ha seguito da inviato Europei di calcio, Tour de France, Giri d’Italia e l’incredibile (per i successi italiani) Olimpiade di Tokyo. Questo è il suo tredicesimo libro. Tra gli altri, ha pubblicato il romanzo I cassetti perduti (2004), il saggio Un carcere nel pallone (2009, terzo classificato al premio Bancarella Sport), In nome di Marco con Tonina Pantani (2014), Che gusto c’è a fare l’arbitro con Nicola Rizzoli (2015) e Il mio amico Leo con Leonardo Bonucci (2019).

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x