Ultimo aggiornamento alle 19:06
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 6 minuti
Cambia colore:
 

calcio

Fc Lamezia Terme, tris senza repliche al Ragusa

Di Addesi, Terranova e Cunzi le firme sul match. Mister Novelli: «Quando giochiamo con buona intensità i risultati si vedono»

Pubblicato il: 24/10/2022 – 7:27
Fc Lamezia Terme, tris senza repliche al Ragusa

LAMEZIA TERME Torna al successo dopo due gare l’Fc Lamezia che inanella la sesta vittoria stagionale in otto gare, davanti al presidente Saladini tornato in tribuna. La squadra di Novelli lo fa con un’affermazione netta, grazie ad un tris di gol con tiri tutti dalla media distanza e, bisogna ammetterlo, con la complicità del disastroso portiere siciliano Busà, che ci mette del suo in due (Addessi e Cunzi) dei tre gol lametini. E non poteva mancare il rigore (sul 2-0) contro il Lamezia: il sesto in otto gare, un record. Stavolta c’è: ancata di Maimone su Vitelli poco dentro l’area, ma ecco la prodezza del portiere Mataloni che dopo quello a Savanarola para, a Catalano, il secondo rigore stagionale. Chapeau.
Cosiccome contro Canicattì, Acireale e Trapani il Lamezia la sblocca nei primi 25 minuti di gioco, chiaro sintomo di un migliore approccio al match, ovvero con concentrazione e concretezza fin dall’uscita degli spogliatoi. Due i cambi rispetto a Trapani per mister Novelli: Zulj, all’esordio dall’inizio per lo squalificato Cadili e Addessi per Alma.
Il Ragusa invece Grasso per l’ex vigorino Catalano da Cortale, subentratogli poi nel primo tempo per infortunio. Il distacco dalla vetta resta di 5 punti per i lametini, vista la prevedibile vittoria odierna del Catania a Paternò (0-4). A tal proposito, ha lasciato alquanto sorpresi la ‘pantomima’ col dietrofont della Corte Sportiva d’Appello, relativamente all’annullamento della squalifica del campo paternese per la prima delle due gare comminate dal giudice sportivo! Gentile abbuono per la prima, con i paternesi tornati oggi sul proprio campo per ospitare il blasonato Catania, potenza del blasone etneo?, e gara in campo neutro ed a porte chiuse slittata alla prossima, con il Locri.
Tornando al match odierno del Lamezia, seconda vittoria dei gialloblù con tre gol segnati ma stavolta, rispetto alla gara con la Sancataldese (3-2), senza subirne. E prima marcatura stagionale per Terranova e Cunzi, mentre Addessi bomber della squadra arriva a quota 5.

La cronaca

Pronti via e primi brividi lametini: cross dalla sinistra di De Luca, Busà sfiora e manda a vuoto Addessi (4’) in ottima posizione, palla in angolo. Risponde il Ragusa: cross da sinistra di Cacciola, al limite Randis (12’) stoppa e tira, palla di poco a lato. Nulla fino al vantaggio lametino: Addessi (24’) riceve palla poco fuori il limite, si accentra e fa partire un sinistro angolato (come ad Aversa) su cui Busà proteso in tuffo è disattento. 1-0 ed esultanza del pubblico presente. Il Lamezia controlla ed il Ragusa non trova sbocchi nonostante l’abile regia di capitan Floro. Si giunge al 31’ ed il Lamezia manca il bis: cross da destra di Miliziano, sotto porta colpisce di testa Ferreira sul primo palo e Busà respinge, dalla corta distanza irrompe in scivolata Terranova che però dà poca forza ed il portiere blocca. Bis 4 minuti dopo: stavolta Ferreira sul secondo palo incorna centralmente e Busà respinge. Si chiude il tempo e le squadre tornano negli spogliatoi.
Nella ripresa stessi roster e già al 9’ il Lamezia raddoppia: Terranova avanza palla al piede e da circa 20 metri fa partire un destro chirurgico che si insacca quasi a mezza altezza, con Busà che stavolta non può arrivarci. 2-0 e lametini che possono gestire con più tranquillità. Passano due minuti ed ancora Terranova, in posizione più centrale, cerca di replicare ma stavolta Busà è attento e alza in angolo. Break ospite al 17’ con Catalano, che però spara alto col sinistro in area su lunga rimessa laterale di Cacciola. Trascorrono dieci minuti e ancora l’ottimo Terranova tenta il bis personale: servito in area da Addessi, da distanza ravvicinata fa partire un destro smorzato che Busà para, ma il 10 lametino impreca per aver colpito anche il terreno. Si arriva al rigore per il Ragusa: fallo di Maimone su Vitelli (38’), abile in percussione poco dentro l’area: dal dischetto va Catalano, forse emozionato, e Mataloni para alla sua destra. Il Lamezia controlla la parte finale del match e con De Luca dalla lunga distanza per poco non sorprende Busà, palla di poco alta. Timido attacco ospite con un cross rasoterra di Vitelli da destra, sul primo palo spazza Silvestri. Ed eccoci al tris del Lamezia: destro poco fuori l’area di Cunzi e Busà sembra bloccare invece la palla schizza goffamente in porta. 3-0. Sei minuti di recupero ed allo scadere un tiro di Emmanouil per poco non vede un altro errore di Busà, che riesce in qualche modo a bloccare. Fischia Cardella, esulta il Lamezia coi suoi tifosi, e si prepara alla trasferta di domenica a San Luca.

Dopo gara

Sorridente in sala stampa mister Novelli: «Quando giochiamo con buona intensità come oggi i risultati si vedono, specie con la velocità di pensiero ed esecuzione. Abbiamo fatto progressi rispetto alla gara persa domenica scorsa in casa. Quando segniamo subito si aprono spazi con l’avversario costretto a non abbassarsi. Mi aspettavo questo Ragusa che ha fatto una buona partita, ma siamo stati bravi noi nell’aggredirli e a buttarci nell’uno contro uno. Avevo chiesto alla squadra di provarci da fuori. I singoli? Bene sia Terranova che Zulj, il bosniaco all’esordio dall’inizio». Quindi due riflessioni sui sei rigori subìti finora – eloquente il commento di Novelli al riguardo – e sulla Coppa Italia prossima con la Cittanovese. «A Trapani (2-2 – ndr) non mi è piaciuto qualche comportamento del Trapani nell’intervallo, con la successiva gestione arbitrale del match in un senso in diversi episodi. La cultura che dobbiamo insegnare – sottolinea il tecnico lametino – è quella di un calcio pulito, dobbiamo dare esempi giusti per le famiglie e i bambini che vanno allo stadio, io ci credo! Noi non ci buttiamo 60 volte a terra…».
Superfluo ogni commento, anche se il riferimento va sia al rigore “inventato” al Trapani e sia alle perdite di tempo degli avversari. Sulla Coppa Italia: «Puntiamo anche a quella, giochiamo gara dopo gara, non possiamo concentrarci solo sul campionato rischiando di restare senza nulla in mano».

Il tabellino

FC LAMEZIA TERME – RAGUSA 3-0
FC LAMEZIA T. (4-3-3): Mataloni; Miliziano (25’st Abatneh), Silvestri, Zulj, De Luca; Cristiani (35’st Maimone), Maltese, Morana (25’st Emmanouil); Addessi, Ferreira (22’st Fangwa), Terranova (35’st Cunzi). A disp.: Martino, Badibanga, Kanoute. All. Novelli
RAGUSA (3-5-2): Busà; Falla (29’st Messina), Pertosa, Strumbo; Napoli (15’st Vitelli), Meola, Floro, Nignama (48’st Laplace), Cacciola; Randis (29’st Varela), Grasso (27’pt Catalano). A disp.: Lumia, Marfella, Iseppon, Diallo. All. Raciti.
ARBITRO: Cardella di Torre del Greco (Galigani-Cavalli)
RETI: 24’pt Addessi, 9’st Terranova, 46’ st Cunzi
NOTE: giornata soleggiata; spettatori 800 circa con rappresentanza ospite; Ammoniti: Randis, Strumbo, Emmanouil. Angoli 4-3. Recupero: 2’pt, 6’st.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x