Ultimo aggiornamento alle 20:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

fondi europei

Nicolai: «Ancora da spendere 500 milioni per il Por 2014-20 ma ce la faremo. Ora una nuova sfida»

Il dg della Programmazione al Comitato di Sorveglianza: raddoppiato il Fondo sociale. Vale 700 milioni, serve uno sforzo collettivo

Pubblicato il: 24/11/2022 – 12:53
Nicolai: «Ancora da spendere 500 milioni per il Por 2014-20 ma ce la faremo. Ora una nuova sfida»

CATANZARO «Tutte le forze che saranno chiamate a operare dovranno essere in grado di collaborare in uno sforzo compiutamente sinergico per mettere a terra queste risorse». Lo ha affermato il dirigente generale del Dipartimento Programmazione della Regione, Maurizio Nicolai, parlando dei lavori del Comitato di Sorveglianza del Por 202127 in corso alla Cittadella a Catanzaro. Nicolai ha illustrato gli obiettivi del nuovo ciclo di programmazione dei fondi comunitari ma ha anche fatto il punto sull’attuazione del ciclo 2014-20, spiegando che «ancora dobbiamo spendere circa 500 milioni di fondi comunitari ma abbiamo comunque progetti avviati che ci garantiscono che questo obiettivo non sarà mancato».

La nuova programmazione

Con riferimento al Por 2021-27, Nicolai ha esordito parlando di «una nuova sfida, che mette a disposizione 3,1 miliardi per i calabresi, di questi 700 milioni per il sociale, la formazione, i giovani, l’occupabilità. E’ una sfida che non ci fa stare tranquilli nel senso che ci mette davanti a una trade-off invalicabile: non possiamo più immaginare di continuare con modelli amministrativi superati, che – per carità non voglio dare giudizi – non hanno portato risultati esaltanti e non nei tempi che ci aspettavamo. Noi oggi – ha proseguito il dg Programmazione della Regione – raddoppiamo il Fondo sociale, passiamo da 369 milioni a 700 milioni e capite che serve uno sforzo collettivo, cioè non è il programma dell’Autorità di gestione o di una componente di questa Regione, ma di tutta la Calabria. Tutte le forze che saranno chiamate a operare, di qualunque tipo, dovranno essere in grado di collaborare in uno sforzo compiutamente sinergico per mettere a terra queste risorse. E’ un programma che guarda al green, guarda al sociale e che pensiamo di attuare nel migliore modo possibile: quindi anche la sfida della capacità amministrativa dovrà essere presa in considerazione». Nicolai ha poi spiegato: «Io non parlo di difficoltà ma di sfide, abbiamo una sfida per la burocrazia, noi stessi siamo la componente sulla quale dobbiamo investire di più. Dobbiamo riqualificare il nostro ruolo, leggere con più modernità, anche con l’esperienza Covid, i modelli attuativi. Oggi – ha proseguito il dg – stiamo facendo delle cose importanti: stiamo cominciando a dire a tutti i nostri beneficiari – la Regione attua solo poco più di un quarto del programma – che i tempi sono importanti, quando c’è una convenzione i tempi vanno rispettati se no è meglio revocare prima».

La programmazione 2014-20

«Sulla vecchia programmazione abbiamo un tasso di spesa del 60%, calcolato sul totale dei fondi che ci hanno assegnato, poi ci sono delle tecnicalità che fanno sì che questa percentuale sia più alta, ha poi osservato Nicolai. «Dobbiamo ancora spendere circa 500 milioni di fondi comunitari ma abbiamo comunque progetti avviati che ci garantiscono che questo obiettivo non sarà mancato. Non dico che sia semplice, ma – ha rimarcato il dg della Programmazione – sicuramente non lo mancheremo, raggiungeremo questo obiettivo per il 31 dicembre 2023. Abbiamo fatto dei cambiamenti: come si sa abbiamo già raggiunto l’obiettivo 2022 a giugno, quindi speriamo che prima del 31 dicembre 2023 di poter dire che l’obiettivo è centrato. Ieri abbiamo fatto la riunione tecnica con i Servizi della Commissione, abbiamo messo a punto strategie importanti e modifiche importanti, abbiamo un negoziato che ci consentirà di guardare con ottimismo alla chiusura del programma». «Oggi presentiamo una rimodulazione ma è molto light, pochi milioni davvero. Andiamo avanti così», ha infine reso noto Nicolai. (c. a.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x