Ultimo aggiornamento alle 11:46
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la polemica

«L’annunciato intervento sul parco Robinson è sintomatico del modo distorto di utilizzare i fondi europei»

La Federazione Riformista di Rende: «Si tratta di fondi strutturali che non dovrebbero essere utilizzati per interventi di natura ordinaria»

Pubblicato il: 10/12/2022 – 16:52
«L’annunciato intervento sul parco Robinson è sintomatico del modo distorto di utilizzare i fondi europei»

RENDE «L’annunciato intervento sul glorioso parco Robinson della nostra città, abbandonato a se stesso da nove anni, è sintomatico del modo distorto di utilizzare i fondi strutturali europei, siano essi derivanti dal POR oppure dal PNRR». E’ quanto si legge in una nota della Federazione Riformista di Rende, che prosegue: «Si tratta, infatti, di fondi strutturali e, quindi, straordinari, che non dovrebbero essere utilizzati per interventi di natura ordinaria che debbono essere, invece, eseguiti con fondi propri degli enti locali o, al massimo, con fondi regionali e/o statali. L’intervento annunciato sul Parco Robinson è finanziato con i fondi dell’Agenda Urbana e, pertanto, con fondi POR, che sono europei e strutturali. Cosa ha pensato di fare, con un titanico sforzo di fantasia (sic!), l’amministrazione Manna? A quanto è dato sapere, – continua la nota – il consueto efficientamento energetico (triste?), un vero spreco essendo l’attuale impianto tuttora funzionante e rimanendo, peraltro, il parco chiuso nelle ore notturne; i cosiddetti “percorsi sensoriali”, una vera e propria incipriata per stimolare la fantasia che suscita l’ignoto; qualche aggiunta di manufatti utili solo per consumare aree da destinare, invece, a verde, per far vedere che i lavori introducono delle novità. Le uniche cose utili sono rappresentate dall’annunciato rinnovo dei giochi per bambini, avendo quelli esistenti compiuti il ventesimo anno (finalmente!) e l’utilizzo del ponte di ferro delle ferrovie dello Stato, riprendendo un’idea dei riformisti già inserita nel progetto del lotto del viale parco Principe tra l’attuale rotatoria sud ed il Campagnano. Ma tali rilevanti fondi straordinari non si potevano utilizzare per assegnare al parco una funzione di grande attrattività, eseguendo un intervento realmente strategico e strutturale, quale, ad esempio, uno zoo, in grado di far venire nella nostra città tantissimi visitatori a beneficio dell’economia del territorio? Sono dieci anni che i bambini rendesi, e le loro famiglie, si sentono orfani degli animali che nel “piccolo mondo antico” hanno popolato il Parco Robinson, allontanati brutalmente da un insensibile commissario. C’è tanta nostalgia per i cavalli, per i pony, per i pavoni, per i fagiani, per i pappagalli, per i daini, per gli struzzi, per le caprette, per i pesci rossi e per le trote di cui era ricco il lago grande. Ed a proposito di laghi, nel progetto è stato previsto il riciclo dell’acqua, tanto più necessario onde evitare che i due laghi rimangano putridi stagni, così come oggi si presentano agli occhi scandalizzati dei visitatori? A nostro modesto avviso – si legge infine nella nota – era questa l’occasione giusta, avendo a disposizione ben 720 mila euro, di fare del Parco Robinson un piccolo zoo, dal momento che infrastrutture di questo tipo non esistono in Calabria. In conclusione, certamente i pappagalli non colorano più il nostro parco e con questi amministratori non lo arricchiranno mai. Ma, in compenso, bisogna riconoscere che della qualità dei pappagalli è ricco l’agire umano».      

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x