Ultimo aggiornamento alle 9:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Le indagini

Aggressione a Davide, rischiano il processo i tre indagati

Il pm di Crotone ha chiesto il rinvio a giudizio per Passalacqua, Perugino e Gaju. Il primo è ritenuto l’autore materiale del pestaggio del 20enne

Pubblicato il: 14/01/2023 – 7:54
Aggressione a Davide, rischiano il processo i tre indagati

CROTONE La Procura della Repubblica di Crotone ha chiesto il rinvio a giudizio dei tre imputati nell’inchiesta sul pestaggio che ha ridotto in fin di vita il ventunenne Davide Ferrerio, avvenuto a Crotone l’11 agosto scorso. Lo scrive oggi la Gazzetta del Sud. Il giovane di origini bolognesi, in Calabria per le vacanze da parenti, da quel giorno, è in coma e si trova ricoverato nell’ospedale Maggiore di Bologna. Il pm Pasquale Festa ha chiesto il processo per Nicolò Passalacqua, il 22enne accusato di tentato omicidio per aver picchiato selvaggiamente Davide, scambiato per un’altra persona, nell’intento di «dare una lezione» allo spasimante di una sua amica 17enne che era stata contattata sui social da uno sconosciuto. Oltre a lui, è stato chiesto il rinvio a giudizio per concorso anomalo in tentato omicidio nei confronti della madre della ragazza, per la quale l’accusa ipotizza un ruolo attivo nell’organizzazione della spedizione punitiva, sia per un cittadino di origine romena Andrej Gaju, di 34 anni che, secondo l’accusa, avrebbe partecipato attivamente alla spedizione.
Nelle scorse settimane, la Procura per i minorenni di Catanzaro aveva disposto il giudizio immediato per la ragazza, da poco maggiorenne, che ha scelto di essere giudicata con il rito abbreviato. Anche lei è accusata di concorso anomalo. Il giovane bolognese, secondo la ricostruzione dell’accusa, è finito dentro a quello che il gip di Crotone descrive come «un vortice della follia» nel quale una serie di coincidenze si sono susseguite.

La ricostruzione

Tutto ha avuto origine da un scambio via social che la minorenne intraprende con un uomo di 31 anni di un paese della provincia di Crotone che si era invaghito di lei. Per approcciarla aveva utilizzato un falso account Instagram. La mamma dice quindi alla figlia di fissare un appuntamento per capire chi è l’uomo ma, secondo l’accusa, con l’intento di dargli una lezione. Per questo convince Passalacqua, che sapeva essere invaghito della figlia, a partecipare a quell’appuntamento.
A scatenare l’aggressione nei confronti di Davide, è poi quello che il gip definisce un «nefasto messaggio». A mandarlo è il 31enne dopo essere venuto a contatto con il gruppo nel quale ci sono le due donne e Passalacqua. Capite le loro intenzione, manda un messaggio alla giovane per dire che indossa una camicia bianca. Lo stesso colore indossato casualmente da Davide.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x