Ultimo aggiornamento alle 14:18
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La decisione

Frode nei lavori di ristrutturazione della clinica, scarcerato Marrelli

Il Tribunale della libertà ha annullato il provvedimento. L’imprenditore è finito al centro dell’inchiesta “Krimata”. Resta in carcere Esposito

Pubblicato il: 10/02/2023 – 17:33
Frode nei lavori di ristrutturazione della clinica, scarcerato Marrelli

CROTONE Il Tribunale della Libertà di Catanzaro ha scarcerato Lorenzo Marrelli, il 49enne amministratore delle aziende dell’omonimo gruppo imprenditoriale che opera nel settore della sanità.
Marrelli era stato arrestato e sottoposto ai domiciliari il 19 gennaio dalla Guardia di Finanza che aveva eseguito un’ordinanza del gip distrettuale Arianna Roccia nell’ambito di un’operazione, denominata “Krimata”, che ha coinvolto altre cinque persone destinatarie di varie misure cautelari.
A Marrelli veniva contestata l’accusa di partecipazione ad un’associazione a delinquere finalizzata alla commissione di alcune frodi fiscali nel corso dei lavori per la ristrutturazione e l’ampliamento del Marrelli Hospital.
Ma il Tribunale del riesame, accogliendo il ricorso degli avvocati Francesco Verri e Vincenzo Ioppoli, ha deciso che non poteva essere privato della libertà. Non sono ancora note le motivazioni della decisione che i giudici hanno la facoltà di depositare entro quarantacinque giorni.
Comunque gli avvocati Verri e Ioppoli hanno impugnato il provvedimento del Gip, dimostrando, per mezzo di perizie e documenti, l’esistenza e la congruità dei prezzi di tutti i lavori descritti nelle fatture che secondo gli inquirenti sarebbero state emesse per operazioni inesistenti.
Il Tribunale ha accolto parzialmente anche il ricorso degli avvocati Tiziano Saporito e Antonio Lidonnici per Mario Esposito, 69enne di Isola Capo Rizzuto, ritenuto affiliato alle cosche Arena e Nicoscia, che era accusato di associazione mafiosa, associazione a delinquere, usura e tentata estorsione, annullando l’ordinanza per la partecipazione all’associazione mafiosa e confermandola nel resto. I giudici catanzaresi hanno dunque escluso la caratura mafiosa dell’imprenditore, ma lo hanno lasciato in carcere per gli altri reati di cui deve rispondere.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x