Ultimo aggiornamento alle 21:18
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

I controlli

Discarica abusiva di rifiuti speciali a Corigliano Rossano, sigilli ad una vasta area – FOTO

A scoprire l’abuso la polizia provinciale in contrada San Mauro. Il materiale era sparso all’interno di un capannone e in un terreno

Pubblicato il: 18/02/2023 – 15:43
Discarica abusiva di rifiuti speciali a Corigliano Rossano, sigilli ad una vasta area – FOTO

CORIGLIANO ROSSANO Si era trasformata in una vera e propria discarica a cielo aperto. Con il rischio concreto di inquinare le falde acquifere, data la mancanza di impermeabilizzazione del terreno. Per questo motivo la Polizia Locale della Provincia di Cosenza (già Polizia Provinciale) diretta dal Comandante Rosario Marano ha posto sotto sequestro preventivo una vasta area sita in località S. Mauro, nel Comune di Corigliano- Rossano.
L’area era da tempo oggetto di abbandono indiscriminato di rifiuti di ogni genere, tra i quali molte carcasse di autoveicoli, parti di carrozzeria e tappezzeria, pneumatici fuori uso, materiale ferroso, plastica vetro, residui di pittura provenienti di attività edile, materiale inerte, fusti di olio motore ed altro materiale.
Si tratta di una mole notevole di rifiuti, sparsi sia sul nudo terreno sia all’interno di un capannone aperto e comunque riconducibili alla stessa ditta.
L’operazione è giunta al termine di una puntuale attività investigativa svolta dal personale del Distaccamento di Mormanno e del Comando di Cosenza, su delega d’indagine della Procura della Repubblica di Castrovillari.
Il Decreto di sequestro disposto dal Pubblico Ministero individua altresì quale custode giudiziario a titolo gratuito il proprietario dell’area stessa.
Si precisa che tutte le attività poste in essere dal personale della Polizia locale della Provincia di Cosenza sono legittimate da provvedimenti adottati dall’Autorità Giudiziaria e che, per il principio della presunzione di innocenza, la colpevolezza della persona sottoposta ad indagini in relazione alla vicenda sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

Succurro: «Fenomeno odioso che va combattuto con fermezza»

«Un fenomeno odioso – ha commentato la Presidente della Provincia Rosaria Succurro – che va combattuto con fermezza, a tutela dei nostri territori. Ringrazio il Comandante Marano e, suo tramite, tutti i nostri agenti che quotidianamente operano a salvaguardia dell’ecosistema locale e del paesaggio, non senza rischi anche per la propria incolumità personale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x