Ultimo aggiornamento alle 14:14
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’inchiesta

‘Ndrangheta nel Comasco, chieste altre 11 condanne a pene fino a 24 anni di carcere

Requisitoria dei pm di Milano nel processo scaturito dal blitz “Cavalli di razza” contro la cosca Molè-Piromalli. Già 34 le condanne in abbreviato

Pubblicato il: 30/03/2023 – 20:44
‘Ndrangheta nel Comasco, chieste altre 11 condanne a pene fino a 24 anni di carcere

 MILANO Altre undici condanne a pene fino a 24 anni di carcere. Le hanno chieste oggi i pm di Milano Pasquale Addesso e Sara Ombra, davanti al Tribunale di Como, nel filone con rito ordinario del processo scaturito dal maxi blitz “Cavalli di razza” conto la ‘ndrangheta nel Comasco. Procedimento che nel rito abbreviato (qui) ha già portato a 34 condanne per un totale di oltre 200 anni di reclusione, con la pena più alta, 11 anni e 8 mesi, per lo storico boss della ‘ndrangheta in Lombardia Bartolomeo Iaconis. Oggi i pm hanno chiesto 24 anni di reclusione per Antonio Carlino, con una istanza di confisca da oltre 4 milioni di euro, 22 anni per Massimiliano Ficarra, commercialista e presunta “mente economica” della cosca di Fino Mornasco (Como), 18 anni per Andrea Stillitano e 22 anni per Alessandro Tagliente, solo per citare alcune delle richieste. La sentenza è prevista per fine aprile. A seguito delle indagini della Squadra mobile di Milano e della Gdf di Como i presunti capi e affiliati al clan erano stati fermati il ​​16 novembre 2021 nella tranche lombarda di una maxi inchiesta, coordinata anche dalle Dda di Reggio Calabria e Firenze. Un’indagine che aveva inflitto un duro colpo alla cosca della ‘ndrangheta dei Molè-Piromalli con oltre cento misure cautelari eseguite in tutta Italia. Dagli atti era emerso anche che Attilio Salerni (condannato in abbreviato a 8 anni) e il fratello Antonio (8 anni e 4 mesi) sarebbero stati gli esecutori materiali “di violenze e minacce nei confronti dei dirigenti” della Spumador Spa, azienda di bevande gassate finita nella morsa dei clan e per la quale era stata disposta l’amministrazione giudiziaria per infiltrazioni mafiose, poi revocata. (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x