Ultimo aggiornamento alle 21:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la vertenza

Flai, Fai e Uila Calabria avviano la fase di mobilitazione del settore forestale

Attivo unitario delle categorie di Cgil, Cisl e Uil, preoccupate per il futuro dell’intero comparto regionale

Pubblicato il: 19/04/2023 – 18:19
Flai, Fai e Uila Calabria avviano la fase di mobilitazione del settore forestale

LAMEZIA TERME Attivo unitario di Flai Cgil – Fai Cisl – Uila Uil regionali in merito alla vertenza riguardante il settore della forestazione e alla necessità di nuove politiche finanziarie e misure per la tutela del patrimonio forestale e della montagna. Lo riferisce una nota. Al termine dei lavori, ai quali hanno preso parte i dirigenti regionali e territoriali delle rispettive sigle di categoria, si è condiviso – prosegue la nota –  di avviare una fase di mobilitazione con un piano straordinario di assemblee, che culminerà negli attivi unitari del 5 maggio, in tre tappe (Nord, Centro e Sud Calabria) e che si concluderà il 12 maggio con una forte mobilitazione presso la Cittadella regionale, con il sostegno delle confederazioni regionali di Cgil, Cisl e Uil e la partecipazione delle segreterie di Flai, Fai, Uila nazionali». I segretari generali Caterina Vaiti (Flai Cgil), Michele Sapia (Fai Cisl) e Pasquale Barbalaco (Uila Uil), dichiarano che «è nevralgico rimettere al centro della discussione e del confronto con le istituzioni regionali i temi della forestazione calabrese. La fragilità della regione dal punto di vista idrogeologico, gli oltre 650 mila ettari di superficie boscata e il patrimonio paesaggistico, necessitano di investimenti e programmazione per la messa in sicurezza delle comunità e del territorio. È necessario avviare un immediato ricambio generazionale nel settore forestale calabrese, considerata la costante riduzione del personale e progressivo invecchiamento della manodopera (poco più di 4.000 addetti) e inoltre, prevedere un Piano straordinario di rimboschimento e prevenzione del territorio», affermano i tre segretari generali. «I continui silenzi, buoni propositi e mancati investimenti in programmazione e finanziari – denunciano – hanno messo in ginocchio il settore fino a paventare il rischio di un’estinzione della forestazione calabrese. Per di più è ancora attuale quanto urgente il mancato recepimento del contratto integrativo regionale siglato nel 2019, difatti i lavoratori forestali calabresi attendono l’adeguamento salariale da oltre un decennio, a causa di mancanza di risorse, per come sostenuto dalle varie Giunte regionali. Chiediamo un impegno concreto e fattivo per la tutela dell’ambiente e del territorio regionale – concludono Vaiti, Sapia e Barbalaco – per come peraltro previsto dal Protocollo di Kyoto, oltre che dagli orientamenti europei e nazionali con il Next Generation Eu e il Pnrr, che attribuiscono alle foreste un ruolo significativo nelle politiche di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici per la loro capacità di fissazione del carbonio e di produzione di energie alternative a quelle fossili».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x