Ultimo aggiornamento alle 13:52
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

lotta all’illegalità

Sicurezza delle banche e dei clienti, si punta sulla prevenzione: accordo Prefettura di Catanzaro-Abi

Il protocollo prevede un rafforzamento delle misure contro il rischio di rapine, attacchi informatici e infiltrazioni della criminalità organizzata

Pubblicato il: 04/05/2023 – 13:41
Sicurezza delle banche e dei clienti, si punta sulla prevenzione: accordo Prefettura di Catanzaro-Abi

CATANZARO Rafforzare la sicurezza bancaria, a tutela degli istituti di credito e dei cittadini clienti, attraverso misure di prevenzione sempre più stringenti contro il rischio di rapine, furti, truffe, infiltrazioni della criminalità organizzata e attacchi informatici. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa che questa mattina è stato rinnovato e sottoscritto tra la Prefettura di Catanzaro e l’Abi. Il protocollo, al quale hanno aderito la quasi totalità delle banche della provincia, individua alcune misure già collaudate come la videosorveglianza, all’interno e all’esterno delle banche con particolare attenzione agli sportelli bancomat, e misure nuove come quelle legate alla cybersicurezza, prevede l’impegno da parte degli istituti di credito di formare i propri dipendenti, inoltre implica un costante coordinamento tra le banche e le forze di polizia anche attraverso lo scambio di dati, di conoscenze, di valutazioni e di approfondimenti. A sottoscrivere il protocollo, che rientra in un percorso condiviso tra ministero dell’Interno e Abi su tutto il territori nazionale, sono stati il prefetto di Catanzaro, Enrico Ricci e Marco Iaconis, coordinatore di Ossif, centro di ricerca creato dall’Abi sulla sicurezza e il facility management. “Portiamo avanti – ha detto il prefetto Ricci – il reciproco impegno di collaborazione tra le forze di polizia e gli istituti di credito per innalzare al massimo il livello di prevenzione dei reati predatori ai danni delle banche e della clientela e di nuove forme di attività criminali come gli attacchi informatici”. Secondo Iaconis “il protocollo rende ancora più efficace una sinergia che ha già prodotto risultati importanti, come dimostra la drastica riduzione, e in alcuni casi l’azzeramento, di alcuni reati in danno delle banche che si registrano negli ultimi anni”. I dati e le informazioni profitti dalla collaborazione Abi-forze di polizia saranno inoltre oggetto di analisi nell’ambito del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x