Ultimo aggiornamento alle 22:13
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

La nomina

Un catanzarese alla guida della Polizia, il Cdm sceglie Vittorio Pisani

L’attuale numero 2 dell’Aisi succede a Giannini, nominato prefetto di Roma. Le congratulazioni di Occhiuto e Mancuso

Pubblicato il: 11/05/2023 – 20:50
Un catanzarese alla guida della Polizia, il Cdm sceglie Vittorio Pisani

ROMA Vittorio Pisani è il nuovo capo della Polizia di Stato. Pisani prende il posto di Lamberto Giannini che è stato nominato prefetto di Roma con poteri speciali in vista del Giubileo.
A nominare Pisani, originario di Catanzaro, il Consiglio dei ministri nel corso della seduta odierna.

Il profilo del nuovo capo della Polizia

 

Ha firmato la cattura di Michele Zagaria, soprannominato Capastorta, boss dei casalesi, il 7 dicembre 2011. Ha arrestato Antonio Iovine, ‘o Ninno, altro capo dello stesso clan, un anno prima soltanto, novembre 201. Ma questi sono solo due – tra tanti – dei latitanti catturati da Vittorio Pisani, 55 anni, origini catanzaresi, il “super poliziotto” o l’ “achiappalatitanti” come era stato ribattezzato per le operazioni contro la camorra, che da oggi guida la Polizia di Stato. Nominato prefetto lo scorso mese di febbraio, Pisani, attuale numero due dell’Aisi, Agenzia informazioni e sicurezza interna, è stato a capo della Squadra mobile di Napoli, colpendo al cuore il sistema di Gomorra. Sua la cattura del boss di Secondigliano, un altro latitante, Eduardo Contini, detto ‘o romano, tra i fondatori dell’Alleanza di Secondigliano. Suo l’arresto di un altro capo dello stesso clan, sempre latitante Vincenzo Licciardi.
Pisani si è lasciato alle spalle accuse mosse nei suoi confronti, rivelatesi del tutto infondate, da parte di un pentito di camorra, Salvatore Lo Russo, boss dei “Capitoni” di Miano quartiere di Napoli.
Le accuse erano di favoreggiamento, rivelazione del segreto d’ufficio e abuso d’ufficio nell’inchiesta “Megaride” sul presunto riciclaggio di denaro in alcuni locali del lungomare. Pisani, nel frattempo, aveva querelato Lo Russo perché il pentito aveva dichiarato alla Dda di aver fatto diversi regali al capo della mobile per avere, in cambio, “un occhio di riguardo”. Lo Russo, nel 2017, è stato condannato a tre anni per calunnia. 

Le congratulazioni di Occhiuto e Mancuso

«Congratulazioni al prefetto Vittorio Pisani, originario di Catanzaro, nominato dal Consiglio dei ministri nuovo capo della Polizia di Stato. Sono certo che onorerà questo prestigioso incarico con dedizione e professionalità». Lo scrive su Twitter Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.
«Una nomina che esalta merito, competenza ed esperienza sul campo, come si evince dal suo brillante profilo professionale». Lo dice il presidente Filippo Mancuso che, anche a nome del Consiglio regionale della Calabria, rivolge al neocapo della Polizia di Stato Vittorio Pisani, originario di Catanzaro, «le congratulazioni per un incarico autorevole e di grande responsabilità per la sicurezza dei cittadini e del Paese».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x