Ultimo aggiornamento alle 17:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

L’intervista

Sviluppo del Mezzogiorno, Algieri: «Nessuna crescita del Paese se il Sud viene dimenticato»

Il vice presidente nazionale di Unioncamere: «Il Sud non chiede carità, ma pari opportunità rispetto al resto del Paese»

Pubblicato il: 26/05/2023 – 15:29
Sviluppo del Mezzogiorno, Algieri: «Nessuna crescita del Paese se il Sud viene dimenticato»

COSENZA Il messaggio che «abbiamo voluto lanciare» con il primo Forum Mezzogiorno “Antonio Serra” a Cosenza «è chiaro quanto oggettivo: non può esserci crescita efficace e duratura per l’intero Paese se una parte fondamentale dell’economia nazionale continua ad essere trascurata e sottostimata. Se non cresce il Sud non cresce il Paese». Così, intervistato da Adnkronos/Labitalia, Klaus Algieri , vice presidente nazionale di Unioncamere e presidente della Camera di commercio di Cosenza. «Questa è la semplice constatazione da cui siamo partiti – racconta – quando con il Consigliere della Corte dei Conti, Giampiero Pizziconi, coordinatore scientifico del Forum, ed Erminia Giorno, segretario generale della Camera di commercio di Cosenza, abbiamo iniziato a progettare la due giorni del Forum». «Più di 40 relatori – ricorda Algieri – hanno raccolto il nostro invito, tra esponenti delle più alte istituzioni dello Stato, rappresentanti dell’economia, del lavoro, della ricerca e della politica, e tutti loro, pur con differenze di prospettive e di proposte, lo hanno confermato. Si tratta di protagonisti nazionali come Angelo Buscema, giudice della Corte Costituzionale, Raffaele Fitto, ministro per gli Affari Europei, il Sud, le Politiche di Coesione e il Pnrr, Wanda Ferro, sottosegretario al ministero dell’Interno, Maria Tripodi, sottosegretario di Stato al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Biagio Mazzotta, ragioniere generale dello Stato, Andrea Prete, presidente Unioncamere, Giuseppe Busia, presidente Anac, Antonio Naddeo, presidente Aran, solo per citarne alcuni, perché l’elenco è davvero lungo e con nomi tutti di alto livello», rimarca Algieri.
«Il che ci dimostra – spiega ancora il presidente della Camera di commercio bruzia – che ciò che ci ha spinti a portare per la prima volta in una piccola città del Sud come Cosenza la discussione sulle prospettive di sviluppo del Mezzogiorno, è stata più che una felice intuizione. È stato un notevole passo in avanti nella conoscenza del presente, una fotografia dell’oggi con i suoi pregi e i suoi difetti, da cui prendere le mosse per la costruzione di una diversa visione del nostro futuro», aggiunge.

«Le aziende del Sud chiedono pari opportunità»

Per quanto riguarda le aziende del Sud, secondo Algieri, «non parlerei» della necessità «di un “salto di qualità” ma piuttosto di “salto di opportunità”. Le imprese del Sud sono già imprese di qualità e hanno tutte le caratteristiche, potenzialità e capacità necessarie, come hanno ampiamente dimostrato nell’emergenza pandemica. Quello che il Mezzogiorno chiede allo Stato non è un aiuto in termini di assistenzialismo ma è la creazione di condizioni favorevoli per avere pari opportunità rispetto al resto del Paese, così da poter competere con le proprie forze, sfruttando le sue enormi potenzialità», ribadisce Algieri.
«C’è però, questo sì, un ‘salto di qualità’ di cui il Sud ha bisogno e rispetto al quale non può chiedere aiuto ad altri se non a sé stesso: dobbiamo tutti noi iniziare a comunicare i nostri punti di forza e le nostre peculiarità positive, ribellandoci ad una narrativa distorta ed anacronistica concentrata sui soli problemi che affliggono il Mezzogiorno e che, purtroppo, sono tutt’altro che confinati solo in quest’area geografica del Paese», continua Algieri. 
«Il Sud non chiede carità – spiega ancora Algieri – ma giustizia ed è pronto a liberare sé stesso dalle cause della sua inferiorità, seguendo l’esempio dei suoi figli migliori… come Antonio Serra, cosentino. Per farlo dobbiamo confrontarci con noi stessi ma anche con le realtà più produttive del Nord, come ad esempio la Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige, per dare maggiore profondità a quella conoscenza dell’oggi, di cui parlavo nella risposta alla sua prima domanda, e costruire insieme una visione condivisa del futuro, senza la quale, lo ripeto, non può esserci una crescita efficace e duratura per l’intero Paese», conclude Algieri. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x