Ultimo aggiornamento alle 22:40
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

palazzo campanella

La riforma del lavoro supera l’ultimo step e viaggia verso l’ok in Consiglio regionale

Via libera a maggioranza anche in seconda Commissione Bilancio. Approvata la legge sul sostegno a “Liberi di scegliere”

Pubblicato il: 31/05/2023 – 21:16
La riforma del lavoro supera l’ultimo step e viaggia verso l’ok in Consiglio regionale

REGGIO CALABRIA A passo sempre più spedito e sempre più deciso verso l’approvazione. La riforma del mercato del lavoro elaborata dalla Giunta regionale supera anche l’ultimo step prima dell’arrivo in aula con l’approvazione da parte della seconda  Commissione Bilancio del Consiglio, dopo che nelle scorse settimane aveva già ricevuto il disco verde in Prima e in Terza. L’ok è arrivato a maggioranza, dopo un serrato dibattito al quale ha partecipato anche l’assessore regionale al Lavoro Giovanni Calabrese (Fratelli d’Italia), proponente  della riforma, e dopo l’audizione di rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil. La riforma interviene per aggiornare la legge quadro vigente, risalente a più di 20 anni fa, e ha diversi punti cardine: la trasformazione dell’Azienda Calabria Lavoro in  Agenzia (Arpal), la configurazione dei Centri per l’impiego come infrastruttura di base per lo sviluppo delle politiche attive, attraverso l’erogazione di servizi obbligatori (Lep) con la collaborazione e la funzione di supporto prevista anche da parte del sistema dei soggetti accreditati privati, il coordinamento degli interventi regionali in materia di formazione e politiche attive per il lavoro e di apprendimento permanente con le politiche per lo sviluppo economico, l’istruzione e le politiche sociali. In seconda commissione – secondo quanto si legge dal resoconto di seduta – l’assessore Calabrese ha evidenziato  «l’approccio di tipo pragmatico e non ideologico anche nell’accoglimento degli emendamenti presentati nella Commissione di merito, e ha quindi spiegato che  l’agenzia Arpal  «sarà motore pulsante delle politiche attive del lavoro», comunicando «la stima dei costi necessari in 6 milioni di euro per gli stipendi e 1,5 milioni di euro per gli emolumenti accessori». A sua volta il presidente della Commissione, Antonio Montuoro (Fratelli d’Italia), ha rimarcato l’importanza della proposta di legge in esame auspicando il reperimento delle necessarie risorse finanziarie. In seguito, la seconda Commissione Bilancio ha approvato, tra i vari provvedimenti al suo esame, il bilancio di previsione dell’Arpacal, la proposta di legge sul riconoscimento del Carnevale di Castrovillari (Straface, Gentile, Gallo) e la proposta di legge sul riconoscimento e il sostegno della Regione al progetto “Liberi di scegliere” (Mancuso e Fedele). (c. a.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x