Ultimo aggiornamento alle 12:37
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

lavoro

Tirocinanti di inclusione sociale, Nidil Cgil: «Dopo la deroga servono i fondi»

Ivan Ferraro chiede alla Regione Calabria di aprire un tavolo di confronto: «Al momento mancano le coperture finanziarie»

Pubblicato il: 07/06/2023 – 12:57
Tirocinanti di inclusione sociale, Nidil Cgil: «Dopo la deroga servono i fondi»

CATANZARO «Apprendiamo positivamente l’approvazione dell’emendamento – presentato da tutti i deputati calabresi – che dà delle speranze per il futuro dei Tirocinanti di Inclusione Sociale, anche se il percorso per la stabilizzazione resta ancora contorto e lungo. Il primo importantissimo passo, quello che potrebbe permettere una contrattualizzazione dei Tis, è la deroga per le assunzioni negli Enti locali con contratti a tempo determinato; manca però un elemento indispensabile perché si possa procedere, ossia la copertura finanziaria, giacché al momento sono previsti solo 2 milioni per il 2023 e 5 milioni dal 2024, il resto dei soldi necessari per completare l’iter deve essere necessariamente reperito al più presto». È quanto sostiene in una nota il coordinatore regionale Nidil Cgil Calabria Ivan Ferraro. «È opportuno – prosegue il sindacalista – sottolineare che il percorso dei Tis si interromperà alla fine di questo anno. Certamente non basteranno più i 37 milioni degli anni passati perché, per un contratto con tutti i diritti, il costo per garantire lo stesso misero stipendio (700 euro mensili) deve necessariamente aumentare del 30-40%, salvo che il bacino non si fosse nel frattempo ridotto come unità ma, essendo stato ritirato per inammissibilità l’emendamento per il prepensionamento dei 705 soggetti con oltre 61 anni di età, non abbiamo garanzie in merito. Quindi, andando con ordine, per permettere che alla scadenza dei percorsi dei Tis, i comuni possano contrattualizzare l’intero bacino assicurando loro lo stesso stipendio, servono circa 50 milioni che governo nazionale e regionale dovranno garantire in quanto la maggior parte dei comuni non è nelle condizioni economiche di sostenere questa spesa. Rimane poi l’ostacolo più difficile da superare, ossia quello della storicizzazione delle risorse che permetterebbe a tutti i Tirocinanti di inclusione sociale una stabilizzazione ad oggi ancora molto lontana. È, in ogni caso, necessario – conclude Ferraro – che la Regione Calabria apra, per i motivi di cui sopra, un tavolo di confronto affinché si possa costruire un percorso condiviso con le parti sociali per un piano di contrattualizzazione della platea di Tirocinanti di inclusione sociale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x