Ultimo aggiornamento alle 23:28
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’emergenza

Scuola, Occhiuto-Princi: «Per l’anno scolastico 2023/24 la prima classe dell’Ipsia di Longobucco»

Nota congiunta del presidente e vicepresidente della Regione: «Continueremo a lavorare per risolvere i problemi della viabilità»

Pubblicato il: 05/07/2023 – 9:59
Scuola, Occhiuto-Princi: «Per l’anno scolastico 2023/24 la prima classe dell’Ipsia di Longobucco»

CATANZARO «Nelle ultime settimane abbiamo lavorato costantemente per risolvere un problema che avrebbe colpito ulteriormente una comunità che già vive un periodo particolarmente difficile. La positiva collaborazione che abbiamo instaurato con la direttrice dell’ufficio scolastico regionale della Calabria, Antonella Iunti, ci ha permesso di raggiungere il risultato tanto auspicato dal sindaco di Longobucco, Giovanni Pirillo, e dai suoi concittadini: sarà costituita per l’anno scolastico 2023/24 la prima classe dell’Istituto professionale Ipsia. I numeri esigui degli iscritti, 12 alunni, tra cui due ragazzi con disabilità, avevano tecnicamente impedito la formazione della classe nella prima fase, quella che viene definita di organico di diritto. L’autorizzazione per l’istituzione della nuova classe è stata resa possibile grazie alla deroga effettuata dall’Ambito Provinciale di Cosenza, coordinato dalla dirigente Loredana Giannicola». Lo affermano in una nota congiunta il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, e la vice presidente con delega all’Istruzione, Giusi Princi. «Tutti conosciamo – scrivono – le recenti vicende che hanno interessato Longobucco. Il crollo – lo scorso 3 maggio – del ponte sul fiume Trionto ha reso inagibile la superstrada 177 Sila-Mare, e in questo momento gli abitanti possono usare solo la vecchia strada, l’unica rimasta percorribile. Senza la prima classe dell’Ipsia, gli studenti per poter frequentare le lezioni in un altro istituto sarebbero stati costretti a raggiungere i più vicini centri abitati di Rossano Corigliano o Mirto, distanti circa 40 chilometri, attraverso un percorso ormai fatiscente e con sacrifici enormi: due ore di percorrenza in pullman all’andata, e due ore al ritorno. Abbiamo scongiurato questa ennesima beffa, e pensiamo che la notizia che possiamo dare oggi sia una prima importante risposta al grave disagio che la comunità di Longobucco sta vivendo. Continueremo a lavorare per risolvere i problemi legati alla viabilità, che nelle ultime settimane hanno aggravato una situazione di isolamento geografico che rende davvero difficile, per chi vive in questo splendido paese, raggiungere gli altri centri abitati».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x