Ultimo aggiornamento alle 23:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

L’accordo

Piano di prevenzione incendi nella Sila, rinnovata la convenzione con i “pastori custodi”

Firmato l’accordo tra i vertici del Parco, il presidente del Gal Kroton Cervello ed alcuni volontari. Ad oggi sono 47 gli allevatori che saranno formati

Pubblicato il: 14/07/2023 – 9:50
Piano di prevenzione incendi nella Sila, rinnovata la convenzione con i “pastori custodi”

SAN GIOVANNI IN FIORE Una giornata di grande importanza ieri presso la sede del Parco Nazionale della Sila di Lorica, valorizzata da due incontri cruciali uno al mattino e uno nel pomeriggio, dedicati alla prevenzione e alla custodia dei boschi del Parco Nazionale della Sila. Questa mattina il Presidente del Parco dott. Francesco Curcio e il Direttore l’arch. Ilario Treccosti, alla presenza, del Presidente del Gal Kroton, Natale Carvello e dei “pastori custodi” silani, hanno rinnovato l’impegno dell’Ente nel portare avanti il Protocollo d’Intesa, siglato ormai tre anni fa. Con la firma della rinnovata Convenzione tra il Direttore del Parco della Sila Ilario Treccosti ed il Presidente del Gal Kroton Natale Carvello prende avvio la Terza edizione del progetto “Pastori Custodi 2023”. Ad oggi sono 47 gli allevatori che sono stati selezionati e che presto saranno formati ed informati sulle attività e le funzioni da svolgere. Anche quest’anno i “Pastori Custodi” svolgeranno un ruolo fondamentale per la previsione, prevenzione e lotta contro gli incendi boschivi, affiancando le squadre antincendio e gli Enti preposti. Accanto a queste attività importanti saranno svolte altre azioni rilevanti quali la custodia, salvaguardia e tutela della biodiversità, nonché delle tradizioni e della cultura agro silvo pastorale silana. Al centro del progetto la valorizzazione della professione del Pastore, mestiere antichissimo da tramandare, un vero e proprio custode del parco, che, grazie alla sua presenza quotidiana e capillare svolge sul territorio una vera e propria attività di sentinella ambientale, territoriale e sociale di straordinario valore. Un Protocollo nato tre anni fa, grazie al quale è stato anche possibile mappare dei ruderi e dei “tratturi” legati alla tradizione della Transumanza. Una rete in grado di valorizzare un’antica professione, mettendo a sistema una “rete di pastori e agricoltori”, come attori principali del territorio, elemento peculiare e caratteristico della comunità e dei territori del Parco.
L’agricoltura e l’allevamento costituiscono il legame inscindibile tra la tradizione rurale e l’uomo, che diventa custode del paesaggio e produttore dei più noti e prestigiosi prodotti della tradizione. «Anche quest’anno, i nostri boschi avranno i loro custodi, delle vere e proprie sentinelle che sorveglieranno il nostro altopiano attuando un’opera di prevenzione e tutela ambientale. La figura del “pastore custode” è in possesso di una profonda conoscenza del territorio, in grado di custodire e salvaguardare il patrimonio ambientale in cui opera», ha sottolineato il Presidente Curcio. Ad intervenire nel corso della mattinata anche il Presidente del Gal Kroton, Natale Carvello: «Il progetto si ripete anche per questa annualità, e rappresenta un buona pratica di valorizzazione e promozione del contesto naturalistico, storico e culturale delle tradizioni».


Nel pomeriggio un ulteriore incontro ha segnato l’impegno costante dell’Ente per la tutela e la protezione del patrimonio naturalistico dell’altopiano. Si è tenuta presso la sede dell’ente, a Lorica, la riunione organizzativa dedicata al coordinamento delle associazioni del territorio coinvolte nel servizio AIB 2023, per la prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi. Il Direttore del Parco della Sila l’arch. Ilario Treccosti ha elencato le associazioni impegnate nella tutela dei boschi, inserite all’interno del Piano di Previsione e Prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi (PIANO AIB) e insieme al Ten. Col. Angelo Battista Roseti Comandante Reparto C.C. PN Sila e al dott. Giuseppe Luzzi, funzionario presso l’Ente, hanno predisposto la suddivisione delle diverse zone da presidiare insieme ai referenti delle associazioni. Ogni zona del parco, grazie all’impegno dei volontari delle associazioni che vigileranno sulla tutela del territorio sarà adeguatamente presidiata. L’Ente Parco attraverso gli impegni presi, coinvolgendo chi sul territorio è attore attivo e protagonista, vigila con attenzione su un patrimonio di inestimabile bellezza, custodito da coloro che lo popolano e lo vivono giornalmente.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x