Ultimo aggiornamento alle 23:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la denuncia

Pnrr, rischio definanziamento di oltre 900 milioni per la Calabria. Centrosinistra all’attacco

Il Pd: «Occhiuto riferisca in Consiglio regionale». Ferrara (M5S): «Il governo nazionale chiarisca al più presto»

Pubblicato il: 08/08/2023 – 16:36
Pnrr, rischio definanziamento di oltre 900 milioni per la Calabria. Centrosinistra all’attacco

COSENZA  “Il possibile definanziamento di 905 milioni di euro, ovvero quasi la metà della somma (1,93 miliardi di euro) relativa ai progetti affidati in precedenza agli enti locali della regione Calabria nell’ambito del Programma Nazionale di ripresa e resilienza è fonte di seria preoccupazione per il nostro territorio”. Così l’eurodeputata calabrese M5S Laura Ferrara in una nota commenta la proposta di rimodulazione del Pnrr presentata nei giorni scorsi dal Governo Meloni e che potrebbe portare all’eliminazione di misure quali quelle per le “piccole opere” dei Comuni, la rigenerazione urbana, la riduzione del rischio idrogeologico, l’utilizzo dell’idrogeno per la decarbonizzazione, le  infrastrutture sociali, gli impianti  innovativi, la valorizzazione dei beni confiscati alle mafie e il verde urbano. “Questo cambio di rotta inaspettato – continua la Ferrara –  avviene nel momento in cui gli Enti locali stavano portando avanti importanti progettualità e programmando nuovi interventi. Ci troviamo di fronte, quindi, a una decisione che non solo si ripercuoterà sulle Amministrazioni pubbliche più virtuose, ma anche e soprattutto sui territori e sulle comunità. E’ essenziale, così, che venga con urgenza chiarita e sancita quale sarà la copertura finanziaria e attraverso quali fonti il Governo Meloni intenderà continuare i progetti già individuati ed avviati dagli Enti locali. Se l’idea finale è quella di utilizzare a tale scopo i fondi di coesione, già destinati agli enti stessi, ci opporremo fortemente in quanto è chiaro che ai Comuni verrebbero comunque a mancare risorse di cui sarebbero stati già destinatari, venendo così ad attenuarsi l’impatto dell’afflusso delle risorse messe in campo dall’Unione Europea”. “La proposta di Fitto – conclude la Ferrara – è l’ennesima follia di un Governo di incapaci che dopo aver abolito il reddito di cittadinanza per ripristinare i vitalizi, ora tagliano le risorse del Pnrr  perché non riescono ad utilizzarle”.

L’intervento del Pd

“I dati elaborati dalla Fondazione Openpolis in ordine alla rimodulazione del Pnrr, operata dal governo nazionale e veicolati a mezzo stampa, destano profonda preoccupazione. La Calabria andrebbe a perdere circa un miliardo di fondi già stanziati che dovrebbero essere recuperati in un secondo momento e con modalità che il ministro Fitto non ha provveduto a chiarire”. Ad affermarlo è il gruppo del Pd tramite una nota stampa che raccoglie anche l’allarme dei rappresentanti istituzionali di tutti i territori coinvolti. “Né sono stati spiegati – affermano ancora i consiglieri dem – i motivi per i quali si è giunta ad una rimodulazione così penalizzante nei confronti della Calabria che, invece, avrebbe bisogno più di altri territori italiani di investimenti e interventi per recuperare i ritardi accumulati nella sua storia recente e costruire una reale speranza di sviluppo. Le rassicurazioni fornite dal ministro Fitto in ordine ad un possibile recupero dei fondi adesso cancellati da altro tipo di finanziamenti europei non solo non tranquillizzano, ma aumentano le preoccupazioni. Non vorremmo trovarci alla doppia beffa di potere vedere non solo cancellati novecento milioni dal Pnrr originariamente destinati alla nostra Regione, ma anche “condizionate” le altre risorse europee che, evidentemente, si sarebbero potute utilizzare per altri scopi e altri obiettivi. Davanti a uno scenario del genere – sostengono ancora i consiglieri regionali del Pd – stupisce l’atteggiamento del governo regionale che scegli ancora di rimanere silente evidentemente per non creare problemi all’esecutivo nazionale guidato da Giorgia Meloni. In ogni caso è inevitabile e urgente che il governatore Roberto Occhiuto venga in Consiglio regionale a riferire su quanto sta accadendo per rendere massima chiarezza ai calabresi sulla reale entità dei tagli e sulle modalità con le quali si ha intenzione di intervenire per evitare il peggio. Non possiamo permettere di vedere evaporare ulteriori risorse in una congiuntura complicatissima per la nostra Regione che non può essere ulteriormente penalizzata da un governo a trazione leghista che, a breve, potrebbe infliggere un ulteriore e ferale colpo all’intero Mezzogiorno con l’approvazione dell’autonomia differenziata”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x