Ultimo aggiornamento alle 23:15
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

i nodi della politica

Forza Italia, Occhiuto: «No a Le Pen, sì ai fuoriusciti del Pd delusi da Schlein»

Il presidente della Regione rilancia nuovamente il progetto del rigassificatore di Gioia Tauro: «Assurdo che non sia considerato strategico»

Pubblicato il: 15/09/2023 – 9:39
Forza Italia, Occhiuto: «No a Le Pen, sì ai fuoriusciti del Pd delusi da Schlein»

CATANZARO Il rigassificatore di Gioia Tauro ha tutte le autorizzazioni valide, sarebbe realizzato con le risorse di Irene e Sorgenia, avrebbe una capacità di 16 miliardi di metri cubi, più della metà di quanto importavamo dalla Russia, Peraltro, siccome per rigassificare occorre la piastra del freddo, che serve anche poer surgelare i prodotti, la Calabria potrebbe allocare, nell’area prospiciente il primo porto d’Italia, Gioia Tauro, un grande distretto dell’agroindustria. Trovo assai singolare che un investimento del genere non venga considerato strategico, è un tema che va avanti dallo scorso governo». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, in un’intervista a “Libero”.

«Forza Italia guardi ai fuoriusciti del Pd»

Anche temi prettamente politici nell’intervista. «Il centrodestra non è litigioso, contrariamente a quanto accadeva con la sinistra al governo. Ci sono delle legittime differenze. Antonio Tajani sta facendo un lavoro straordinario al governo e nel partito, e Forza Italia fa bene a rappresentare la sua identità, ad assumere una propria posizione», ha spiegato Occhiuto per il quale «noi dobbiamo parlare a quel popolo del moderati che magari oggi vota anche Fratelli d’Italia e Lega, ma lo fa non ritrovandosi appieno in quelle linee politiche. Dobbiamo parlare ai moderati in fuoriuscita da un Pd a guida Schlein, così come a quanti credettero nel Terzo Polo». Rafforzare l’identità, quindi. Ma sulle Europee la domanda va al “dopo”. Vol guardate ai socialisti per un’alleanza?: questa la risposta di Occhiuto: «Tutt’altro. Noi guardiamo ad altre famiglie che non si riconoscono nel partito socialista europeo e che possano comunque essere compatibili, per principi e valori, con il Ppe. Tra queste forze non c’è quella guidata da Marine Le Pen, che è ben diversa da Salvini. Il leader della Lega a Pontida può invitare chi vuole, ma Tajani ha fatto bene a dire “no” a qualsiasi ipotesi di alleanza». (c. a.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x