Ultimo aggiornamento alle 17:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la discussione

Associazioni e movimenti rendesi bocciano la “Grande Cosenza”

Sottoscritto un documento, contrario alla “fusione a freddo”. «L’unione di Cosenza, Rende e Castrolibero è impraticabile»

Pubblicato il: 28/09/2023 – 7:46
Associazioni e movimenti rendesi bocciano la “Grande Cosenza”

RENDE La realizzazione della “Grande Cosenza” impegna associazioni e movimenti politico-culturali di Rende, sottoscrittori di un documento presentato al termine di un incontro organizzato per discutere e confrontarsi sull’attuale proposta di legge che mira alla fusione di Cosenza, Rende e Castrolibero ed a sostegno della nascita della Città Unica. Durante il dibattito si è ravvisata la necessità di organizzare una assemblea pubblica, da tenersi entro la metà di ottobre, con la finalità di rendere consapevoli e protagonisti i cittadini su un tema che, inevitabilmente, andrebbe ad incidere sulla vita delle comunità coinvolte.

«Citta Unica sottoposta a referendum deliberativo»

«La nostra non è, nel modo più assoluto, né una posizione campanilistica né, tantomeno, pregiudiziale. Nell’incontro sono emerse le criticità della proposta di legge regionale sulla fusione dei tre municipi. In particolare, è emersa la impraticabilità, allo stato, della fusione a freddo dei Comuni di Cosenza, Rende e Castrolibero. Innanzitutto, per ragioni finanziarie, essendo il Comune di Cosenza in dissesto per centinaia di milioni di euro; inoltre, non è stato predisposto uno studio di fattibilità né prevista la sperimentazione, per almeno un triennio, dell’Unione dei Comuni, da istituire anche con la partecipazione del Comune di Montalto Uffugo», fanno sapere i firmatari del documento. «La verifica dello studio di fattibilità e l’Istituzione dell’Unione dei Comuni dovranno essere, poi, deliberati dal prossimo consiglio comunale di Rende, democraticamente eletto, poiché è impensabile che la fase costituente della Città Unica venga licenziata da una gestione commissariale. Le associazioni firmatarie ritengono che, se la sperimentazione sarà positiva, il progetto di Città Unica dovrà essere sottoposto a referendum deliberativo, da approvare a maggioranza dei voti espressi in ogni singolo comune. Il referendum sarà valido se parteciperà al voto il 50%+1 degli aventi diritto. Risulta del tutto assente il coinvolgimento delle comunità interessate a tuti i livelli, compreso quello istituzionale. Su questo inquietante vulnus democratico si è registrata la convergenza di tutti gli intervenuti. Occorre, quindi, trovare il modo di restituire la dignità e il diritto di scelta ad ogni singola comunità interessata, che consapevolmente saprà decidere per il meglio», continuano. «Si è pensato, così, che l’assemblea popolare dovrà discutere ed approvare, su queste basi, un documento relativo a tutte le questioni inerenti la Città Unica e dovrà individuare un organismo rappresentativo a cui sarà affidato il compito di illustrare le ragioni della Comunità Rendese nel confronto con gli altri Comuni interessati, con la Regione Calabria, con l’Università della Calabria, con i rappresentanti istituzionali e con le forze politiche e sociali. Allo stesso tempo, i firmatari rivolgono un accorato appello a quanti, in forma singola o associata, vorranno portare il proprio contributo di idee e di proposte nelle prossime iniziative che si metteranno in campo sulla città Unica. Abbiamo già detto che la nostra non è una scelta campanilista. Non è neanche egoista. Anzi è altruista, perché va anche nella direzione di tutelare il futuro dei cittadini di Cosenza, di Castrolibero e dell’intera area urbana. Tale proposta, infatti, per come è stata concepita, sarebbe una follia che, certamente, arrecherebbe seri danni alle comunità interessate».

La partecipazione di Eugenio Aceto

«Ho partecipato alla riunione svoltasi a Rende in quanto apprezzo la democraticità del metodo che stanno utilizzando le associazioni, aprendosi al confronto con tutte le forze politiche presenti sul territorio», ha sottolineato Eugenio Aceto ex consigliere comunale espressione di Forza Italia. «Ribadendo la mia posizione favorevole alla città unica, per come più volte pubblicamente specificato, credo che le associazioni stiano tracciando il giusto percorso ed i tempi necessari per procedere alla fusione, nel massimo rispetto dei Cittadini che ne dovranno trarre i benefici. Sono fiducioso, conoscendo l’elevato spessore dei componenti della commissione Regionale, che terranno in considerazione i suggerimenti contenuti nel documento».

I firmatari

RendeSì

Rende l’Idea

Missione Rende

La Primavera di Rende

Rende per Rende

InnovaRende

AttivaRende

Federazione Riformista di Rende

Laboratorio politico “Carlo Rosselli”

Rende Cambia Rende

Partito Socialista di Rende

IdM Rende

Movimento Civico Rende

Aria Nuova – Rende Centro storico

Associazione La Fenice – Centro Storico

Rappresentanza cittadina di Santo Stefano

Ex amministratori Comunali: Giuseppe Infusino, Pietro Paolo Ruffolo

Commissario cittadino di Forza Italia Rende: Eugenio Aceto

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x