Ultimo aggiornamento alle 17:47
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

l’emergenza

Maltempo in Toscana, sale il bilancio dei morti. Evacuazioni in corso

Evacuazioni preventive in corso a Montemurlo, Montale e Prato, 1200 le persone coinvolte

Pubblicato il: 04/11/2023 – 21:39
Maltempo in Toscana, sale il bilancio dei morti. Evacuazioni in corso

Sale a 7 il bilancio dei morti per il maltempo che ha colpito la Toscana il 2 novembre. L’ultima vittima, Gianni Pasquini, 69 anni, è stata ritrovata questa mattina in un campo di mais a Campi Bisenzio (Firenze), il territorio tra i più colpiti da questa ondata, dove sono finiti sott’acqua 800 ettari di territorio. Ancora disperso invece un 84enne a Prato: la vettura che guidava, tornando a casa, è stata trovata ieri ‘accartocciata’ in un terreno alluvionato ma dell’uomo nessuna traccia.
Evacuazioni preventive in corso a Montemurlo, Montale e Prato in corrispondenza delle rotture dei torrenti Agna e Bagnolo, circa 1200 persone. Allestiti punti di accoglienza negli spazi comunali e palestre”. Così il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani sui social. Per la nuova allerta meteo arancione per rischio idraulico e idrogeologico, il sindaco di Montemurlo (Prato) Simone Calamai ha disposto l’evacuazione per chi abita a piano terra e interrati nelle zone di Oste, Santorezzo, e Popolesco. Per tutte le persone fragili (persone con problemi di deambulazione, non autosufficienti, dipendenti da apparecchiature elettro medicali) e per gli anziani con più di 65 anni, spiega il Comune in una nota, è consigliato lasciare le abitazioni e recarsi ai piani alti o farsi ospitare da parenti o amici fuori dalle zone interessate. Le persone potenzialmente coinvolte nell’evacuazione sono un migliaio (100 disabili in carico ai servizi sociali, 841 anziani oltre 65 anni, 103 zona Santorezzo e sud Bagnolo). Per coloro che non hanno la possibilità di essere ospitati il Comune, attraverso il sistema di protezione civile comunale, ha disposto un sistema di accoglienza nelle palestre comunali. Quando saranno esauriti questi posti le persone saranno trasferite nella scuola Dagomari di Prato. Calamai raccomanda inoltre vivamente di restare a casa, di non stare nei locali posti al piano terra o sotto il livello della strada, di evitare gli spostamenti non indispensabili per lasciare libere le strade e consentire l’evacuazione rapida di tutte le persone che abitano nelle zone a maggiore rischio. Anche per lunedì 6 novembre le scuole a Montemurlo rimarranno chiuse. “Dalle ore 20 di stasera si rende necessario disporre che gli abitanti delle frazioni di Oste, Popolesco e Santorezzo lascino la prossima notte la propria abitazione se abitano ai piani terra o in seminterrati” o “vadano ai piani più alti”. Lo dice in un messaggio diffuso stasera il sindaco di Montemurlo (Prato) Simone Calamai invitando queste persone a andare da parenti o amici e ai piani più alti. Calamai ha firmato un’ordinanza.
Intanto inizia la conta dei danni che, secondo una prima stima resa nota oggi dal presidente della Regione Eugenio Giani, ammonterebbero a 300 milioni tra pubblico e privato. “Ma è una stima assolutamente parziale – osserva il governatore toscano -, servirà almeno un’altra settimana per avere numeri più certi”. E in particolare, il sindacato dei balneari Sib ha stimato in 100 milioni i danni agli stabilimenti
La macchina dei soccorsi continua a lavorare a pieno ritmo senza sosta, solo i vigili del fuoco spiegano che nelle cinque province toscane colpite dall’alluvione sono già 2.500 gli interventi fatti, con 570 uomini in azione e 150 automezzi. A Quarrata (Pistoia) le squadre dei pompieri hanno aiutato a evacuare con un mezzo anfibio anche una neonata insieme ai genitori. Il capo della Protezione civile nazionale Fabrizio Curcio oggi è intervenuto con Giani, con il quale hanno sorvolato in elicottero le zone alluvionate, per fare il punto sulla situazione. Curcio ha annunciato la firma della prima ordinanza d’intesa con la Regione, dopo il riconoscimento dell’emergenza nazionale, che permetterà di mettere a disposizione le prime risorse per aiutare la popolazione. “Oggi stesso abbiamo più di 1.000 volontari che stanno lavorando – ha spiegato -, ci sono sei colonne mobili in arrivo, cinque colonne mobili di volontariato nazionale. Il tema vero è l’impiego dei mezzi in un territorio molto ampio, per questo abbiamo chiesto anche il rafforzamento dei centri di coordinamento”. Per Curcio le zone più critiche sul maltempo sono quelle “di Prato, di Campi Bisenzio, la parte di Pistoia: qui abbiamo ancora acqua in quantità importante” che “rende molto complicato in alcune aree il ripristino della parte elettrica e dei servizi essenziali.
Bisogna lavorare molto sul territorio per stabilire le priorità soprattutto per le persone più fragili, per quelle che sono già fragili per problemi e gli anziani che non possono stare in abitazioni dove non c’è energia ed acqua”. Gli sfollati sarebbero 300.
Intanto a Campi Bisenzio, dove centinaia di volontari provenienti anche da fuori Toscana si sono presentati al Comune e vengono muniti di tute, guanti, pale, le idrovore lavorano in maniera no stop dalla notte, in particolare tra la zona vicina al centro di via Palagetta e la frazione di San Piero a Ponti dove è tutto allagato e l’acqua non defluisce. Secondo Giani stamani 14mila persone erano raggiungibili solo con mezzi anfibi, 12mila a Campi Bisenzio e altre 2mila a Seano, nel comune di Carmignano (Prato) e questa sera sono circa 5mila.
Sul fronte delle criticità per l’energia elettrica si apprende da Enel che sono circa 5.800 le utenze ancora prive: ieri si era partiti da 40.000 clienti disattivati. Per quanto riguarda il servizio idrico, Publiacqua informa che a Seano è ripartito il pompaggio nell’acquedotto: l’impianto Casa rossa era infatti finito sott’acqua e “ci vorranno alcune ore” per il ritorno appieno del servizio su Seano, Carmignano e in parte su Poggio a Caiano, dove sono attive autobotti. Sui social il governatore ha lanciato un appello a non mettersi in viaggio nelle zone colpite dal maltempo per non intralciare i soccorsi.
Intanto i corsi d’acqua continuano a scendere di livello ma preoccupa è la nuova allerta meteo arancione e sono state disposte evacuazioni precauzionali a Prato, Montemurlo (Prato) e Montale (Pistoia). (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x