Ultimo aggiornamento alle 9:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’appello

«La violenza criminale e mafiosa è ancora diffusa, non allentiamo la lotta alla ‘ndrangheta»

Il sindaco di Polistena Tripodi parla della necessità di «non abbassare la guardia e rimanere vigili, uniti nella lotta al crimine

Pubblicato il: 23/11/2023 – 19:01
«La violenza criminale e mafiosa è ancora diffusa, non allentiamo la lotta alla ‘ndrangheta»

POLISTENA «Nei giorni scorsi il territorio della Piana è stato investito da un grave fatto di sangue di cui é stata vittima la dottoressa Francesca Romeo, con il marito rimasto ferito. Un attentato perpetrato in perfetto stile mafioso che ha determinato ancora una volta la fine di una vita che purtroppo si somma alla catena infinita di vittime di violenza sia essa, mafiosa, comune e di genere. La violenza criminale e mafiosa è ancora diffusa sul territorio e spesso si fa sentire attraverso azioni più o meno eclatanti come quella compiuta ultimamente contro l’attività di un giovane imprenditore di Polistena che ha subito un vile atto intimidatorio. Sono state bruciate le auto esposte nel piazzale della sua azienda in prossimità dello svincolo della superstrada di Cinquefrondi. La famiglia, alla quale manifestiamo sostegno e piena vicinanza, già in passato ha subito altre intimidazioni. Si tratta solo dell’ultima notizia in ordine di tempo, poiché certe strane avvisaglie sul territorio ed in Calabria non sono mai venute meno, a partire dalle recenti escalation di intimidazioni avvenuta nella Sibaritide sino a giungere a ritroso al rinvenimento, avvenuto qualche mese fa, di un ordigno inesploso nel greto del fiume Jerapotamo proprio nella nostra città». È quanto afferma il sindaco di Polistena Michele Tripodi in una nota, aggiungendo che «il dossier dei comuni sciolti per mafia poi, pubblicato nei giorni scorsi dall’associazione “Avviso Pubblico”, testimonia un dato costante in Calabria, che deve mettere in guardia tutti dalla presenza mafiosa pronta ad infiltrarsi non solo nelle istituzioni ma pure nel tessuto socio-economico. Tutto questo – conclude il primo cittadino – testimonia come la ndrangheta sia ancora strutturata sul territorio e seppure la tendenza sbagliatissima sia quella di non chiamare più le cose per nome e cognome, l’Amministrazione Comunale di Polistena avverte la necessità di non abbassare la guardia e rimanere vigili, uniti nella lotta al crimine comune e organizzato, continuando a sostenere i cittadini onesti, lavoratori, amministratori, professionisti, operatori economici, che non abbassano la testa dinanzi a ad ogni forma di condizionamento, sopraffazione e prevaricazione mafiosa».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x