Ultimo aggiornamento alle 10:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

La cerimonia

Reggio Calabria, davanti alla Corte d’appello una stele per le donne vittime di femminicidio – VIDEO

Tarzia: «La lotta è ancora lunga, dobbiamo lavorare tanto a livello culturale». Gerardis: «Un simbolo in un luogo baluardo dei diritti»

Pubblicato il: 28/11/2023 – 16:09
di Mariateresa Ripolo
Reggio Calabria, davanti alla Corte d’appello una stele per le donne vittime di femminicidio – VIDEO

REGGIO CALABRIA Una stele in memoria delle vittime di femminicidio posizionata davanti alla Corte d’appello di Reggio Calabria: un simbolo di impegno sociale «in un luogo che rappresenta la giurisdizione e baluardo dei diritti». Con queste parole la presidente Olga Tarzia e il già presidente della Corte d’appello reggina Luciano Gerardis hanno aperto la cerimonia durante la quale hanno scoperto la stele donata dalla Siel Srl, realizzata in pietra reggina.

La cerimonia

Una cerimonia sobria ma partecipata durante la quale sono state ricordate tutte le donne vittime di femminicidio, un pensiero particolare è stato dedicato a Lea Garofalo e Maria Chindamo, morte di femminicidio per mano della ‘ndrangheta, e Giulia Cecchettin, la 22enne di Vigonovo barbaramente uccisa dall’ex fidanzato. Una vicenda che ha scosso l’Italia intera, che dopo l’uccisione della giovane studentessa a un passo dalla laurea, si è mobilitata da Nord a Sud scendendo in piazza.

«Dobbiamo essere tutti promotori di iniziative di questo genere, – ha detto Gerardis – parlare di questi temi non è mai troppo. Per cambiare ci vuole tempo, consapevolezza ed è necessario costruire una rete sempre più ampia. Questi ultimi eventi di cronaca – ha aggiunto Gerardis riferendosi al caso di Giulia Cecchettin – hanno sollecitato una risposta forte e una presa di consapevolezza. Vedo quanto sono sensibili i ragazzi su questi temi, il problema è di lunga durata e la guardia non va mai abbassata, se ne deve continuare a parlare. Questa stele – ha concluso Gerardis – si trova nel posto giusto perché questo è il posto dove si difendono i diritti di tutti, luogo baluardo dei diritti».

«La lotta è ancora lunga, la società non è ancora pronta alla parità»

Una stele che non è solo un simbolo, ha sottolineato la presidente della Corte d’Appello Olga Tarzia a margine della cerimonia: «Sono simboli, ma non sono dei simboli statici, hanno un loro significato. Questo è per non dimenticare ma per continuare, per andare avanti, per combattere una lotta che è ancora tanto lunga perché la nostra società ancora non è pronta alla parità, non è pronta a vedere le donne allo stesso livello degli uomini. È una società arcaica e alcune tracce di questa arcaicità ancora si rinvengono nel tessuto sociale. Ricordiamo – ha spiegato Tarzia – che fino a qualche anno fa esisteva ancora l’autorità maritale, l’omicidio per causa d’onore. Immaginate quindi a come erano sottotitolate le donne, sotto quel titolo quanti femminicidi si nascondevano? Tantissimi. Era consentito tutto all’uomo e con questa logica, con questa sovrastruttura, molti sono cresciuti. Eppur volendo superare queste incrostazioni a volte diventa profondamente difficile, per cui dobbiamo lavorare soprattutto a livello culturale, crescere i nostri figli in modo diverso, fare capire loro che la differenza è un valore, non è un elemento negativo. E le donne hanno dimostrato di sapere essere presenti, generose e anche forse più coraggiose di quanto si possa immaginare».

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x