Ultimo aggiornamento alle 21:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la storia

Il coraggio di una donna contro la ‘ndrangheta. «Ho capito che non ci potevamo opporre»

Dopo le denunce, l’ex moglie di Rosario Arena necessita di protezione. La donna ha raccontato dei soprusi subiti e delle minacce di morte

Pubblicato il: 04/12/2023 – 12:16
Il coraggio di una donna contro la ‘ndrangheta. «Ho capito che non ci potevamo opporre»

ROSARNO «Io ho cercato di allontanarmi ma loro mi hanno sollevato con la forza, ho cercato dì reagire con la forza ma non ci sono riuscita. Nel tentare di divincolarmi ho anche perso una scarpa. Mi hanno portato in una casetta di campagna (…) sono rimasta là tre giorni con Rosario. Lui mi ha detto: “se tanto non cedi sei tu che ci rimetti“. La convivenza con Rosario è effettivamente iniziata qualche giorno dopo questi eventi, perché sia io che i miei genitori abbiamo capito che non ci potevamo opporre».
E’ una parte della lunga confessione resa in procura dall’ex moglie di Rosario Arena, arrestato in una recente operazione della Dda di Reggio Calabria perché ritenuto, insieme a suo padre, vicino alla famigerata ‘ndrina dei Pesce di Rosarno e finiti in manette con l’accusa di estorsione e violenza privata, aggravata dalle modalità mafiose.


LEGGI ANCHE Il medico minacciato per far uscire il boss Arena dal carcere: «Deve dire che devo essere operato con urgenza»

LEGGI ANCHE ‘Ndrangheta, il potere del «Signore onnipotente» Mimmo Arena e la “coschicella” all’ombra dei Pesce


Sul Corriere della Calabria vi abbiamo raccontato dei dettagli della confessione shock resa dall’ex moglie di Arena ai magistrati (qui la notizia). Dopo quanto raccontato, è chiaro come la donna si sia trasformata in un bersaglio mobile. Motivi per i quali pare necessaria una forma di tutela e protezione. D’altro canto, nella lunga narrazione viene ribadita la preoccupazione per il proprio futuro e per quello dei familiari. «So che avrei potuto trasferirmi altrove, e allontanarmi per sempre con i miei figli da Rosarno, ma non sono riuscita a fare finora questa scelta in quanto ho sempre avuto il timore dì lasciare i miei genitori e i miei due fratelli, che vivono tutti a Rosarno, in una situazione di pericolo». (f.b.)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x