Ultimo aggiornamento alle 18:10
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’intervento

Modifica alla legge istitutiva del Consorzio unico di bonifica, i dubbi dei sindacati

Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil scrivono ai presidenti di Giunta e Consiglio con riferimento al tema del trattamento del personale

Pubblicato il: 21/12/2023 – 20:15
Modifica alla legge istitutiva del Consorzio unico di bonifica, i dubbi dei sindacati

REGGIO CALABRIA «In riferimento alla proposta di legge n. 253 depositata in Consiglio regionale recante “Interventi normativi sulle leggi regionali n. 28/1986, n. 11/2011, n. 45/2023, n. 39/2023, n. 37/2022, n. 25/2023 e disposizioni normative” con la quale viene proposta una modifica alla legge regionale n. 39/2023, si comunica che tale scelta non tiene conto delle norme legislative e contrattuali in materia. Precisamente la modifica della parte normativa riguardante il trasferimento, inquadramento e trattamento economico del personale al Consorzio unico della Calabria non tiene conto dell’articolo 159 del Contratto collettivo nazionale di lavoro dei dipendenti dei Consorzi di Bonifica e Miglioramento Fondiario vigente». Lo scrivono Caterina Vaiti, della Flai Cgil, Michele Sapia, della Fai Cisl, e Pasquale Barbalaco, della Uila Uil, in una lettera inviata tra gli altri ai presidenti della Giunta, Occhiuto, e del Consiglio regionale, Mancuso. «Difatti l’articolo di cui sopra – aggiungono Vaiti, Sapia e Barbalaco – prevede che “In caso di accorpamenti o fusioni di più Consorzi sono conservate a titolo personale le condizioni di miglior favore godute da ciascun dipendente presso il Consorzio di provenienza, derivanti da provvedimenti consortili formalmente assunti” e nel chiarimento a verbale contenuto in detto articolo si evidenzia che “Le condizioni di miglior favore di cui al presente articolo sono conservate con i medesimi contenuti e caratteristiche con i quali sono state riconosciute dal Consorzio di provenienza”. Mentre, considerata la mancata redazione del testo ufficiale dello Statuto, le recenti dimissioni del Commissario del Consorzio Unico della Calabria e la confusione crescente sui luoghi di lavoro, si valuta positivamente la scelta di procedere al trasferimento del personale entro 30 giorni dall’approvazione dello Statuto. Pertanto, si chiede per come già sostenuto durante l’ultimo e unico incontro sindacale, di avviare concretamente un nuovo percorso per il sistema della bonifica calabrese nel rispetto delle norme contrattuali e legislative in materia mettendo al centro il confronto permanete e responsabile così da scongiurare probabili vertenze sindacali e legali che si paventano chiaramente in caso della modifica di legge di cui sopra. Le scriventi organizzazioni sindacali in attesa di un doveroso quanto necessario riscontro, ribadiscono nuovamente la propria disponibilità al confronto regionale su quelle tematiche che interessano i lavoratori e le lavoratrici della bonifica calabrese, convinti che – concludono i segretari di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil – solo dando la giusta centralità al lavoro e alla partecipazione, garantendo equilibri finanziari, investimenti e atti concreti di responsabilità, si potrà avviare una vera riforma della bonifica calabrese a tutela del territorio e al servizio delle attività agricole».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x