Ultimo aggiornamento alle 9:51
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

sanità

Castrovillari, avviato il primo ambulatorio di cardiologia digitale

Il nuovo modello di assistenza nella cardiologia di Castrovillari. A breve partiranno ambulatori digitali anche nei paesi più disagiati

Pubblicato il: 07/02/2024 – 8:21
Castrovillari, avviato il primo ambulatorio di cardiologia digitale

COSENZA Il dottore in ospedale, il paziente a casa: televisite e distanza. Un nuovo modello di gestione tra ospedale e territorio è stato avviato nella cardiologia di Castrovillari, diretta dal dottore Giovanni Bisignani.

L’ambulatorio digitale

Il paziente resta a casa e si collega con il cardiologo del reparto per la televisita e per la compilazione dei piani terapeutici. E’ un nuovo modo di fare assistenza che si aggiunge a quanto finora realizzato in tema di digitalizzazione. Basta ricordare che il progetto di telecardiologia, in uso da anni nella ASP di Cosenza, è diventato esempio e punto di riferimento per tutta Europa. L’ambulatorio è stato avviato in accordo con il Direttore Generale Antonello Graziano e con la collaborazione della Ingegneria Clinica diretta da Antonio Capristo. L’ambulatorio, già attivo per la compilazione dei piani terapeutici è gestito dai dottori Antonio Mazziotti, Anna Lucia Cavaliere, Andrea Madeo, Lorenzo Volpe, Silvia Picarelli e dal Caposala Girolamo Angelini. Evitare l’accesso in ospedale solo per la compilazione, per esempio di un piano, terapeutico o per una semplice controllo di routine, evidenzia un netto miglioramento in termini di efficacia e di tempo dedicato alle visite di controllo.

Il commento

«L’avvio del primo ambulatorio di cardiologia digitale , dichiara il dr Graziano, rientra nel più vasto progetto di digitalizzazione di tutta l’ASP di Cosenza. A breve partiranno ambulatori digitali anche nei paesi dell’ASP più disagiati con l’obiettivo di garantire assistenza anche nei Centri più isolati. La telemedicina ha un campo di applicazione davvero molto vasto – spiega il dottor Graziano, . In un territorio vasto e con orografia complessa, come quello della ASP di Cosenza, la televisita può diventare uno strumento indispensabile per migliorare l’assistenza.». «Si tratta di visite specialistiche riservate a pazienti già conosciuti dai medici, commenta Bisignani, che hanno cioè effettuato la prima visita in presenza e che potranno, su indicazione del reparto, continuare ad essere assistiti direttamente a domicilio. Un vantaggio di rilievo soprattutto per gli anziani, per chi ha difficoltà di spostamento e per chi dovrebbe accedere in ospedale solo per la compilazione di un piano terapeutico.».
(redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x