Ultimo aggiornamento alle 20:29
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il processo

Strage dei migranti a Steccato di Cutro, il pm chiede 20 anni per uno degli scafisti

Conclusa la requisitoria per Gun Ufuk, che si difende: «Ero solo il meccanico della barca». Attesa nelle prossime ore la sentenza nei suoi confronti

Pubblicato il: 07/02/2024 – 15:36
Strage dei migranti a Steccato di Cutro, il pm chiede 20 anni per uno degli scafisti

CROTONE “Io ero solo il meccanico della barca ed ho barattato il pagamento del viaggio con il compito di macchinista per riparare il motore. Non ho mai guidato la barca. Mi dispiace tanto per il dolore causato ai familiari delle persone morte”. Così si è espresso Gun Ufuk, il cittadino turco di 29 anni imputato per il naufragio di Cutro, per il quale questa mattina il pubblico ministero Pasquale Festa – a conclusione del processo con rito abbreviato – ha chiesto una condanna a 20anni di reclusione e 2,1milioni di multa ritenendolo responsabile dei reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, naufragio colposo e morte in seguito al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Ufuk, difeso dell’avvocato Salvatore Falcone, si è sottoposto ad interrogatorio nel corso di una lunga udienza nella quale, pur ammettendo di essere parte dell’equipaggio, ha fornito la sua versione dei fatti: “Io dovevo scappare dalla Turchia per motivi politici. Ero stato arrestato perché considerato di fare parte del movimento che aveva condotto il tentato golpe del 2016. Nel 2019 sono stato in carcere per otto mesi perché criticavo Erdogan e le sue politiche. Quando sono uscito per due anni ho dovuto presentarmi alla polizia ed ho tutt’ora il divieto di uscire dalla Turchia. Per chi è considerato golpista non è facile vivere in Turchia. Siamo discriminati dalle autorità e non riusciamo a trovare lavoro. Per questo ho deciso di partire, ma non avevo i soldi necessari e così ho accettato di fare il meccanico della barca che doveva arrivare sulla costa italiana e tornare. Mi ha fatto conoscere gli organizzatori del viaggio Bayram, mio amico, che era il comandante della barca e che è morto nel naufragio”. (Ansa)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x