Ultimo aggiornamento alle 7:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il processo

“Overture”, estorsioni, droga e pestaggi a Cosenza. Invocate pene pesanti – NOMI

Il pm della Dda di Catanzaro Corrado Cubellotti ha concluso la requisitoria, chiedendo la condanna degli imputati

Pubblicato il: 20/03/2024 – 19:12
di Fabio Benincasa
“Overture”, estorsioni, droga e pestaggi a Cosenza. Invocate pene pesanti – NOMI

COSENZA Si è chiusa la requisitoria del pm della Dda di Catanzaro, Corrado Cubellotti nel procedimento scaturito dall’inchiesta denominata “Overture“, legata a presunte estorsioni, danneggiamenti, intimidazioni e reati commessi a Cosenza e nei comuni dell’hinterland. La mala cosentina – secondo gli investigatori – avrebbe messo le mani sui lavori di ampliamento dell’Ospedale “Annunziata”, sugli interventi di ammodernamento del sistema di illuminazione del campus universitario Unical di Rende e sulle opere di restauro del Convento di San Francesco di Paola a Spezzano della Sila, attraverso una intensa attività estorsiva nei confronti delle imprese assegnatarie dei lavori. Questa mattina, dinanzi al tribunale in composizione Collegiale, il pubblico ministero ha concluso la requisitoria invocando le pene a carico degli imputati.

Il “Sistema Cosenza”

«Armi da guerra e false divise dei carabinieri sono forse i ritrovamenti più inquietanti effettuati dai carabinieri», aveva detto – in conferenza stampa – l’allora procuratore aggiunto della Dda di Catanzaro, Vincenzo Capomolla. «L’indagine ha aperto uno squarcio inquietante del contesto nel quale gli indagati si muovevano», aveva detto il colonello Piero Sutera, ex capo del Comando provinciale di Cosenza. Al termine dell’inchiesta sarebbe emersa l’esistenza del cosiddetto “Sistema Cosenza”, realizzato dopo la pax mafiosa tra i vari gruppi criminali della città organizzati sullo spaccio e il rifornimento di droga e che si spartirebbero le zone per estorcere le imprese. Una pax sugellata dalla bacinella comune nella quale fare confluire una “rata” delle attività illecite.

Le pene richieste dal pm

Claudio Altomare, 4 anni
Francesco Amendola, 2 anni
Gaetano Bartone, 12 anni e 6 mesi
Dimitri Bruno, 1 anno e 6 mesi
Giuseppina Carbone, 12 anni e 4 mesi
William Castiglia, 6 anni
Egidio Cipolla, 12 anni e 4 mesi
Silvio Donato, 4 anni
Alessandro Esposito, 4 anni
Mario Esposito, 5 anni
Alfonsino Falbo, 30 anni
Manuel Forte, 16 anni e 10 mesi
Massimo Fortino, 2 anni
Alfredo Fusaro, 4 anni e 2 mesi
Gianfranco Fusaro, 16 anni e 2 mesi
Riccardo Gaglianese, 30 anni
Luca Imbrogno, 4 anni
Massimo Imbrogno, 22 anni
Vittorio Imbrogno, 10 anni e 10 mesi
Vincenzo Laurato, 18 anni
Francesco Le Piane, 4 anni
Carmine Lio, 6 anni
Pietro Mazzei, 6 anni
Umberto Mazzei, 4 anni
Ottavio Mignolo, 10 anni e 4 mesi
Cesare Quarta, 12 anni e 8 mesi
Gianfranco Sganga, 12 anni
Gianluca Stocchetti 2 anni.

(f.benincasa@corrierecal.it)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x