Ultimo aggiornamento alle 18:52
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

soldi sporchi

Riciclaggio, ‘ndrangheta: dal 2019 al 2022, sigilli a beni per 233 milioni

I dati diffusi dal direttore della Dia, Michele Carbone. Dall’attività penale sequestri per 305 milioni alla mala calabrese

Pubblicato il: 05/04/2024 – 13:25
Riciclaggio, ‘ndrangheta: dal 2019 al 2022, sigilli a beni per 233 milioni

ROMA «Nel quadriennio che va dal 2019 al 2022, per le misure di prevenzione patrimoniali che la Dia ha proposto, il 46% aveva come presupposto una o più Sos, segnalazioni di operazioni sospette. A fronte di queste misure di prevenzione l’autorità giudiziaria, in questo quadriennio, ha sequestrato beni per oltre un miliardo di euro, di cui 491 milioni, quasi il 50%, è dovuto alle segnalazioni di operazioni sospette». Lo ha detto il direttore della Dia, Direzione investigativa antimafia, Michele Carbone, durante il convegno ‘Le segnalazioni di operazioni sospette nel contrasto al riciclaggio di denaro sporco’, organizzato dal Centro studi europeo Antiriciclaggio e compliance ‘Piero Vigna’ nella Sala del Refettorio di Palazzo San Macuto, a Roma. «In particolare tra i soggetti maggiormente incisi al primo posto ci sono appartenenti alla ‘Ndrangheta con 233 milioni», ha spiegato il direttore della Dia – segue Cosa nostra (155 milioni), «poi la camorra e la criminalità pugliese». «I sequestri poi diventano confische e su 950 milioni di euro di beni incamerati definitivamente dallo Stato, in questi 4 anni, 375 milioni sono dovuti alle segnalazioni di operazioni sospette», ha spiegato ancora Carbone. «Ad esempio, nel 2022 le confische sono state pari a oltre 224 milioni, di cui 171 milioni derivanti dalle Sos ed è stato l’anno più alto del quadriennio. Inoltre, per quanto riguarda l’attività penale sempre in questi 4 anni, avvalendoci delle Sos, sono stati sequestrati 445 milioni di euro, e anche qui la maggior parte colpisce la ‘Ndrangheta per 305 milioni di euro. Seguono la criminalità pugliese, la camorra e altre». «Per quanto riguarda il provvedimento della sospensione, la Uif, a seguito degli input della Dia», ha aggiunto il direttore Carbone, «ha sottoposto a sospensioni 7,6 milioni di euro».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x