Ultimo aggiornamento alle 20:45
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la polemica

«Sull’aborto la destra italiana si dimostra antiprogressista, mobilitiamoci»

La Conferenza delle Democratiche dell’area metropolitana di Reggio Calabria contro l’emendamento di Fratelli d’Italia

Pubblicato il: 16/04/2024 – 19:53
«Sull’aborto la destra italiana si dimostra antiprogressista, mobilitiamoci»

REGGIO CALABRIA “Il diritto all’aborto è una libertà di scelta delle donne su cui non si torna indietro, immaginare di imprigionarla utilizzando i fondi del Piano di Ripresa e Resilienza è vergognoso!”. Così la Conferenza delle Democratiche dell’area metropolitana di Reggio Calabria, in riferimento all’approvazione, con voto di fiducia, del Decreto Pnrr, contenente l’emendamento di Fratelli d’Italia con cui si prevede la presenza di associazioni anti abortiste all’interno dei consultori, luogo a cui le donne si rivolgono per sostegno e assistenza in quella che già di per sé è una scelta complessa e dolorosa. “Riteniamo questo tentativo – prosegue la Conferenza delle Democratiche dell’area metropolitana di Reggio Calabria – una vera e propria violenza psicologica nei confronti delle donne e dei loro corpi, su cui la destra, ad ogni latitudine, immagina di imporre con la forza la propria ideologia autoritaria e cinica. Nei fatti, il tentativo di svuotare le libertà raggiunte dalla legge 194, già messa a dura prova dall’alto numero di medici obiettori che spesso provoca il totale impedimento all’applicazione. Piuttosto che intervenire su tale deficit, garantendo la presenza di medici non obiettori in ogni struttura sanitaria, si punta a depotenziare ulteriormente gli strumenti di libertà a cui le donne si affidano per l’interruzione di gravidanza. Tra l’altro, considerando che l’art. 2 della legge 194 prevede già la possibilità di convenzioni con associazioni di volontariato in grado di aiutare la maternità difficile dopo la nascita, l’obiettivo della destra è, in tutta evidenza, totalmente ideologico. Le Democratiche di Reggio Calabria si batteranno strenuamente contro questa visione, anche a livello regionale, affinché si annullino gli effetti di scelte politiche retrive e reazionarie.   Non è pensando di elargire qualche piccola sovvenzione temporanea che si aiutano le donne nella loro scelta più dolorosa, ma aumentando semmai la presenza di psicologi in grado di assisterle nella loro decisione, qualsiasi essa sia, senza influenza alcuna, e garantendo la presenza dei consultori anche nelle aree più periferiche. Inoltre, riteniamo fondamentale rafforzare gli strumenti di assistenza sociale e abitativa. I fondi del Pnrr ci aspettiamo siano impegnati per la solidarietà e la crescita sociale, il sostegno alle famiglie e alle donne lavoratrici e non certo per decisioni illiberali, diventerebbe un terribile controsenso.  L’autodeterminazione delle donne – ribadiscono le Democratiche reggine, guidate dalla portavoce Barbara Panetta- non può divenire strumento ideologico di una destra sempre più votata alle negazioni delle libertà di pensiero e di scelta. Ogni cittadina libera si mobiliti insieme a noi, la lotta unitaria non può che partire dalla difesa dei diritti costituzionali e delle libertà democratiche e antifasciste”.

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x