Ultimo aggiornamento alle 18:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

calcio

Serie B schizofrenica, 22 cambi di panchina in 33 giornate

Il record spetta a Lecco e Bari con tre esoneri. Viali (del Cosenza) primo tecnico a guidare due squadre nella stessa stagione. Vivarini intoccabile

Pubblicato il: 17/04/2024 – 12:54
Serie B schizofrenica, 22 cambi di panchina in 33 giornate

COSENZA Ventidue cambi di panchina (o esoneri). La serie B, quest’anno più che mai, si è mostrata schizofrenica. In appena 33 giornate di campionato, i club hanno messo ripetutamente in discussione le proprie scelte. Il record stagionale di esoneri è da dividere tra due squadre: la neopromossa Lecco del vulcanico patron Di Nunno e il Bari di De Laurentiis con quattro cambi i lombardi sono passati da Foschi a Bonazzoli, per poi passare ad Aglietti e infine (?) a Malgrati. Quattro tecnici che non sono riusciti a schiodare la compagine lombarda dai bassifondi della classifica. Quattro cambi di panchina (raggiunti pochi giorni fa) anche per il Bari che dopo Mignani (passato un mese fa al Palermo), si è affidato prima a Marino, poi a Iachini e a Giampaolo. Insieme al Lecco e Bari a quota quattro, ci sarebbe anche il Como, attualmente secondo in classifica e ad un passo dalla promozione diretta in serie A. In realtà, dopo l’esonero alquanto curioso (visto che la squadra non stava andando affatto male) di Longo, in panchina è finito l’ex stella del Barcellona, nonché uomo simbolo del club, Fabregas, affiancato ufficialmente per questioni burocratiche prima da Cassetti e poi da Roberts. A quota tre cambi di panchina ecco l’Ascoli e il Brescia. Proprio dal primo cambio di panchina ad Ascoli, è stato inaugurata la nuova regola che permette ai tecnici di firmare per un altro club nella stessa stagione. Viali, mandato via dalla società marchigiana per fare posto prima a Castori e poi a Carrera, circa un mese fa è stato ingaggiato dal Cosenza (sua vecchia squadra) che nel frattempo aveva esonerato Caserta. Il Brescia, invece, da Gastaldello, ha proseguito per una gara con Belingheri per affidarsi poi con buoni risultati a Maran. Cambi di panchina anche a Cremona (da Ballardini, oggi a Sassuolo in A, a Stroppa), FaralpiSalò (da Vecchi a Zaffaroni), Spezia (da Alvini a D’Angelo), Sudtirol (da Bisoli – oggi al Modena al posto di Bianco – a Valente), Ternana (da Lucarelli a Breda), e, come anticipato, Palermo (da Corini a Mignani). Le uniche società rimaste con lo stesso allenatore di inizio torneo sono Catanzaro, Cittadella, Parma, Pisa, Reggiana, Sampdoria e Venezia. Ad avere dei benefici dai cambi di panchina sono state soprattutto Como e Brescia, un po’ meno la Cremonese. (f.v.)

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x