Ultimo aggiornamento alle 11:55
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

il bilancio

Occhiuto: «Nessuna velleità di ruoli nel governo. Ricandidarmi alla Regione? Vedremo»

La conferenza sul bilancio di metà legislatura. «La Rai ha accolto la nostra richiesta, accordo per il Capodanno fino al 2026. Sull’autonomia differenziata consiglierei prudenza»

Pubblicato il: 29/04/2024 – 12:48
Occhiuto: «Nessuna velleità di ruoli nel governo. Ricandidarmi alla Regione? Vedremo»

LAMEZIA TERME «Voglio rimanere sicuramente qui a fare il presidente della Regione fino alla fine del mio mandato, non ho altre velleità e anche i ruoli nella politica nazionale cerco di spenderli nell’interesse della Regione. Non ho alcuna intenzione di mollare fino alla fine del mandato, poi vedremo». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, nel bilancio di metà legislatura, rispondendo a una domanda del Corriere della Calabria sulle voci che lo danno in lizza per un posto da ministro in un ipotetico rimpasto di governo nazionale e sulla possibilità di una sua ricandidatura alla guida della Regione.

Eventuale secondo mandato

Il governatore ha poi parlato di un eventuale secondo mandato: «È un lavoro faticoso e intenso perché per lavorare in una regione con i problemi che ha la Calabria bisogna avere stimoli per non perdersi d’animo e questi stimoli fortissimi ci sono. E se alla fine del mio mandato dovessi capire che questi stimoli possono ancora essere utili e se riterrò di essere abbastanza carico, mi ricandiderò. Ma se dovessi capire che questa esperienza mi ha logorato ed esaurito, chiederò a qualcun altro del centrodestra di continuare, sperando che abbia lo stesso mio approccio».

Capodanno Rai

«Il Cda della Rai ha deciso di aderire alla nostra richiesta per estendere l’accordo di un anno, fino al 2026, quindi avremo altri due Capodanno Rai in Calabria», ha poi reso noto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, nel suo bilancio di metà legislatura all’aeroporto di Lamezia Terme.

Forza Italia e le Europee

Molti i temi politici affrontati da Occhiuto. Anzitutto le Europee: «Mi aspetto che la Calabria confermi i risultati che abbiamo sempre avuto e sono sicuro che li riconfermerà. Sono convinto che il centrodestra in tutte le sue articolazioni andrà bene, e che Forza Italia convincerà molti di quelli che non vanno a votare a votare per Forza Italia senza rubare un voto a Fdi e Lega. Sono convinto che in Calabria Forza Italia avrà uno dei migliori risultati d’Italia».

Le elezioni comunali

«Quando abbiamo acquisito Sacal – ricorda quindi Occhiuto – un mio collaboratore che è comunista, Silvio Greco mi ha mandato una foto con la falce e il martello. Ma io sono un liberista, credo nella forza del mercato. Però il mio interesse primario è quello di far funzionare le cose. Se non va così allora è chiaro che intervengo con il pubblico, ma senza mai pestare i piedi al privato. Certo c’è un problema di impatto sulla burocrazia regionale, ma il vero problema è che tutti gli altri presidenti si occupavano molto di politica, di chi candidare, delle alleanze da fare e forse questo è stato un loro errore e forse per questo la burocrazia lavorava un po’ col pilota automatico. Io di queste cose come sapete non me ne occupo e di candidati sindaci, tranne che a Corigliano Rossano, devo confidarlo, mentre a Vibo come ho già detto ho saputo della candidatura a sindaco per il centrodestra dalla stampa. A Corigliano Rossano – prosegue il governatore – è stato diverso: avevo un buon rapporto con il sindaco Flavio Stasi, però mi ha deluso sulla vicenda della Baker Hughes e allora gli ho detto che sarei sceso in campo».

L’autonomia differenziata

Il tema dell’autonomia differenziata, da oggi in discussione anche alla Camera. «Non ho un pregiudizio né una contrarietà, ho semplicemente – spiega Occhiuto – la preoccupazione le che risorse per garantire i Lep non ci siano e questo significa che non ci saranno le intese. Consiglierei prudenza anche nei tempi, l’attuazione di questa riforma deve avvenire nei tempi congrui».

Lo scioglimento del Comune di Tropea

Un commento poi sulla decisione del governo nazionale di sciogliere il Comune di Tropea per presunte infiltrazioni mafiose: «Sono dispiaciuto, è una di quelle notizie che non aiutano la percezione della Calabria però – sostiene Occhiuto – non si possono fare più parti in commedia. Nel momento in cui firmo protocolli con le forze dell’ordine e riconosco lo Stato nelle sue articolazioni, ho il dovere di rispettare le decisioni del governo e degli organi dello Stato anche quando rischiano di procurare un danno di immagine. Mi dispiace ma ho rispetto per le decisioni che il governo, le prefetture e gli organi Stato assumono soprattutto quanto riguardano temi così complicati come la legalità».

La bonifica di Crotone

Focus anche sul tema della bonifica dell’ex area industriale a Crotone. Occhiuto riferisce di aver interloquito con Eni ricordando l’impegno di smaltire i rifiuti fuori Calabria ma – specifica – «bisognerà rimuovere quel vincolo e non è facile e lo si potrà fare solo con l’accordo con le amministrazioni locali». (a. cant.)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x