Ultimo aggiornamento alle 19:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

i dati

Cosenza, boom di arresti nei primi quattro mesi del 2024. In calo le denunce

Il bilancio della Questura: dai 52 del 2023 si passa ai 90 di quest’anno. Calano anche le truffe informatiche e i danneggiamenti

Pubblicato il: 10/05/2024 – 14:12
Cosenza, boom di arresti nei primi quattro mesi del 2024. In calo le denunce

Con l’approssimarsi della stagione estiva, la Questura di Cosenza, diretta da Giuseppe Cannizzaro, ha intensificato i controlli sul territorio della città e di tutta la  Provincia. Già dal mese di ottobre 2023 è stata effettuata una capillare azione di controllo del territorio nell’intera Provincia di Cosenza, con diversi servizi mirati, tra cui le note operazioni denominate “Alto Impatto” e “Focus ndrangheta“, nelle quali  sono state coinvolte tutte le forze di Polizia presenti sul territorio, allo scopo di fronteggiare ogni situazione di illegalità e contrastare la commissione dei reati in genere. Infatti, il Questore della Provincia di Cosenza ha ritenuto necessario, sin dal suo insediamento, dare priorità  alla tutela dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica su tutto il territorio di questo provincia, coinvolgendo i Commissariati distaccati, le Specialità della  Polizia di Stato,  il Reparto Prevenzione Crimine,  nonché le altre Forze di Polizia. Tutto questo ha determinato che, nel periodo ottobre 2023/aprile 2024, sono state  identificate e controllate 80.288 persone. Tale dato, rispetto a quanto effettuato nello stesso  periodo dell’anno precedente (ottobre 2022/aprile 2023) in cui sono state invece identificate e controllate invece 67.582 persone, evidenzia l’impegno profuso nell’ambito della prevenzione.

Aumento degli arresti

Per quanto riguarda invece l’analisi della criminalità in Cosenza, si rappresenta che nel periodo gennaio-aprile 2024, si è riscontrato un netto aumento degli arresti, passando da 28  nel periodo 2023 a 42 di quest’anno. Anche in Provincia, gli arresti sono aumentati notevolmente, passando da 52 nel 2023 a 90 nel 2024. Di particolare rilievo è il dato relativo alle misure di prevenzione, intese come provvedimenti sanzionatori diretti ad evitare la commissione di reati da parte di soggetti ritenuti socialmente pericolosi, che registra un evidente aumento :i fogli di via obbligatori sono stati più che raddoppiati rispetto allo stesso periodo dell’anno 2023, passando da 17 a 38; le sorveglianze speciali sono passate da 5 a 9; i Daspo da 16 a 23. Inoltre, nel periodo di riferimento, sono stati emanati 40 ammonimenti, quali provvedimenti del Questore nei confronti di persone  che compiono atti persecutori o violenti allo scopo di determinarne l’interruzione. ella città di Cosenza, si è riscontrato un calo dei reati denunciati, passando quindi da 900 nel 2023 a 883 nel 2024.

In calo le truffe informatiche

Di particolare rilievo è il dato relativo alle truffe informatiche che hanno registrato un netto calo passando quindi da 137 nel periodo gennaio-aprile 2023 a 106 nello stesso periodo dell’anno 2024;  altrettanto rilevante è quello relativo ai danneggiamenti che, in questo centro, sono diminuiti, passando da 704 a 662. Anche in provincia, si è riscontrato un sensibile calo dei reati denunciati che quindi da 5139 nel periodo ottobre 2023/gennaio 2024 sono divenuti 4584 nel 2024, così come sono sensibilmente diminuiti i furti, passando da 1260 nel 2023 a 1120 nel 2024. I danneggiamenti da 704 nel 2023 sono diminuiti, passando a 662 nel 2024 e le truffe informatiche da 723 si sono ridotte a 623.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x