Ultimo aggiornamento alle 8:45
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la lettera

Il messaggio di Maria Falcone al centro studi La Pira: «Uniti per un rinnovamento culturale»

Le parole della sorella del giudice assassinato il 23 maggio 1992 a Capaci

Pubblicato il: 22/05/2024 – 12:57
Il messaggio di Maria Falcone al centro studi La Pira: «Uniti per un rinnovamento culturale»

CASSANO ALLO IONIO Anche quest’anno, Maria Falcone, sorella del giudice assassinato il 23 maggio 1992, ricorrenza della Strage di Capaci, affida il suo messaggio a Francesco Garofalo, presidente del centro studi “Giorgio La Pira”, di Cassano All’Jonio che ha promosso l’iniziativa.  «Ho sentito il bisogno di manifestare la mia vicinanza per quanto fate per onorare la memoria di un giorno buio della storia del nostro Paese.  Giovanni – scrive la professoressa Falcone –, come molti sapranno, sosteneva che per sconfiggere la criminalità mafiosa non poteva essere sufficiente una semplice repressione, ma che era necessario ed anzi ancor più utile e produttivo, da un lato, creare dei meccanismi di cooperazione tra le Istituzioni, dall’altro, diffondere tra i giovani la cultura della Legalità, gettando le basi per una società libera dalla prevaricazione mafiosa. È quindi – ha proseguito -, necessario soffermarsi con attenzione sulla crescita dei nostri ragazzi ed in tal senso bisogna riconoscere che la scuola ha avuto in questi anni un ruolo determinante per generare una cultura stabile e duratura, ingrediente basilare nella lotta al crimine organizzato. È altrettanto importante – rimarca – però, che anche il mondo dell’associazionismo e dell’attivismo sociale sia fervente in questo contesto, e che sfrutti al meglio la propria capacità aggregativa generando iniziative capaci di far riflettere i ragazzi sui valori dell’antimafia.  Così come il mondo dell’informazione, composto da donne e uomini cui spetta l’arduo compito di raccontare storie che non vorremmo venissero mai scritte e che spesso, semplicemente per averle raccontate, si ritrovano anch’esse nel mirino di cosa nostra. Insomma, si tratta di un problema che coinvolge tutti, ed è proprio per questo che, come lo stesso Giovanni affermava, tutte le migliori forze del Paese devono unirsi e camminare insieme. Solo così – ha concluso –, infatti può diventare possibile quel rinnovamento culturale capace di spazzare via la mentalità mafiosa con tutto il disvalore che porta con sé. Auspico che grazie anche ad azioni come le vostre, si possa un giorno mettere la parola fine su questo terribile male che è il fenomeno mafioso».
Questo il commento di Garofalo: «Sono commosso per questo messaggio che estendo a tutti ed in particolare ai nostri ragazzi desiderosi di vivere in un mondo migliore».

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x