Ultimo aggiornamento alle 17:45
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Oliverio non ritira la candidatura

LAMEZIA TERME Oliverio non arretra di un millimetro e va avanti per la sua strada. «Mario non ritira la sua candidatura»: le parole sono del capogruppo del Pd alla Camera e leader di Area riformist…

Pubblicato il: 07/07/2014 – 14:39
Oliverio non ritira la candidatura

LAMEZIA TERME Oliverio non arretra di un millimetro e va avanti per la sua strada. «Mario non ritira la sua candidatura»: le parole sono del capogruppo del Pd alla Camera e leader di Area riformista Roberto Speranza, che le ha recapitate direttamente al vicesegretario del partito, Lorenzo Guerini. È stato proprio il braccio destro di Renzi a trasmetterle al segretario regionale Ernesto Magorno. E così i renziani calabresi, riuniti questa mattina a Lamezia, hanno preso atto della volontà di Oliverio di non fare un passo indietro e di restare comunque in campo, ma hanno ribadito con forza l’intenzione di giungere a una pacificazione attorno al nome di Massimo Canale, individuato dall’ala maggioritaria del partito come il candidato unico per le primarie.

«La candidatura Canale – affermano i renziani nel documento diffuso al termine della riunione – è senza alcun dubbio la candidatura che può unire il Pd e portarlo alla vittoria. Noi ne siamo convinti sin dal primo momento e la sosteniamo con sempre maggiore convinzione, anche d’intesa con la segreteria nazionale del partito, che su Canale intende spendersi per l’unità del Pd calabrese. Attendiamo che le altre componenti del partito ci facciano conoscere le loro determinazioni, nella consapevolezza che vengono prima di tutto gli interessi della Calabria che guarda con molta attenzione al Pd per il governo della regione».

Più che probabile il disappunto di Oliverio, che sembra non aver alcuna intenzione di lasciare libera la strada al giovane avvocato reggino. Le trattative si susseguono in modo frenetico e sono in molti a credere che alla fine l’ex parlamentare potrebbe pure cedere per favorire un clima di unità nel Pd. Certo, senza un accordo tra le due (ma anche tre) anime del partito salterebbero tutti i piani e anche l’ipotesi Canale potrebbe tramontare definitivamente. «Se la sua stessa area di riferimento ha deciso di non supportarlo – riflette un big renziano –, non possiamo di certo farlo noi da soli». L’irrigidimento di Oliverio avrebbe allora come conseguenza il prepotente ritorno sulla scena dei candidati fedeli al premier, che avevano accettato di fare un passo indietro in vista di un accordo solido e trasversale nel partito. Non solo: lo stesso Canale, “scaricato” dalla compagine cosentina del Pd, potrebbe decidere di diventare “diversamente renziano”, con ciò indebolendo ulteriormente la posizione dello stesso Oliverio.

Nel frattempo, è in programma per lunedì prossimo la riunione della direzione regionale, che si occuperà del regolamento delle primarie di coalizione. Cioè di stabilire il modo in cui si disputerà una partita ancora tutta da giocare.

 

Pietro Bellantoni

p.bellantoni@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb