Ultimo aggiornamento alle 22:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Sbarchi a Reggio, l'appello dell'Unicef: «Dateci una mano»

REGGIO CALABRIA L’Unicef di Reggio lancia un appello alla cittadinanza affinché, con tempestività, sia sostenuta la macchina di solidarietà in favore dei minori sbarcati ieri dalla nave San Giusto….

Pubblicato il: 03/09/2014 – 13:48
Sbarchi a Reggio, l'appello dell'Unicef: «Dateci una mano»

REGGIO CALABRIA L’Unicef di Reggio lancia un appello alla cittadinanza affinché, con tempestività, sia sostenuta la macchina di solidarietà in favore dei minori sbarcati ieri dalla nave San Giusto. Nel centro di accoglienza dello “Scatolone” sono alloggiati, tra gli altri, anche 58 bambini di età compresa tra zero e 10 anni, bisognosi di ogni tipo di cura e di assistenza. A questi si aggiungono circa 27 minori non accompagnati, presumibilmente con un’età inferiore ai 17 anni, per i quali la Questura sta procedendo all’identificazione e anch’essi in condizioni disperate.
«Il nostro impegno è finalizzato a dare sostegno ai tanti minori che al termine di un viaggio lungo e assai insidioso – ha dichiarato il presidente Unicef di Reggio Calabria, Pietro Marino – sono approdati sulle nostre coste privi di tutto il necessario. Vogliamo offrire aiuto materiale facendo appello alla solidarietà dei cittadini reggini, che in queste occasioni hanno sempre dimostrato grande generosità e sensibilità, cercando di integrare lo sforzo compiuto dalle istituzioni preposte. Serve, adesso più che mai, la collaborazione di tutti».
L’Unicef provinciale intende contribuire fattivamente alla gestione dell’accoglienza nella città di Reggio. Nel solco di quella che è la mission dell’organizzazione sono state messe in campo tutte le misure volte a tutelare e garantire i diritti dei minori, partendo proprio dalla più elementare assistenza materiale, quale la raccolta di alimenti non deperibili e abbigliamento per i piccoli migranti, forniture sanitarie e farmaci. Chi volesse partecipare alla raccolta di beni, o anche di fondi, può recarsi alla sede Unicef di via Mazzini ogni giorno dalle 18 alle 20. Gli interventi di solidarietà sono già stati prontamente avviati. Proprio stamattina si è tenuto un incontro preliminare tra il funzionario delegato per la Protezione civile del Comune, Giuseppe Tripodi, e il presidente Marino, che hanno fissato il primo step di consegna per domani mattina al Cedir. Una raccolta che proseguirà incessantemente per dare adeguato sostegno ai migranti arrivati in città.
Sono numeri imponenti quelli che descrivono la dimensione dell’emergenza sbarchi a Reggio Calabria. Ad oggi sono oltre 9.200 i migranti tratti in salvo nel Mediterraneo e condotti nel porto cittadino nell’ambito dell’operazione “Mare Nostrum”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x