Ultimo aggiornamento alle 16:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Omicidio Krol, resta in carcere Pietro Bruno

REGGIO CALABRIA Niente arresti domiciliari per Pietro Bruno, il trentaseienne reggino che il 19 agosto scorso ha ucciso il cittadino polacco Marcin Krol, freddato con cinque colpi di pistola, …

Pubblicato il: 12/09/2014 – 16:56
Omicidio Krol, resta in carcere Pietro Bruno

REGGIO CALABRIA Niente arresti domiciliari per Pietro Bruno, il trentaseienne reggino che il 19 agosto scorso ha ucciso il cittadino polacco Marcin Krol, freddato con cinque colpi di pistola, sparati in pieno giorno in via Pio XI, a pochi passi dal centro cittadino. Il Tribunale del Riesame, presieduto dal giudice Bellini, ha infatti rigettato l’istanza del difensore dell’uomo, Giancarlo Murolo, confermando la sussistenza delle esigenze cautelari per Bruno, che nelle scorse settimane avrebbe confermato di essere l’autore dell’omicidio, dettato da motivi passionali. 
Amante della moglie di Krol e socio della sala giochi e scommesse Passion 365, di fronte alla quale il trentottenne polacco è stato ucciso, Bruno è stato fermato a meno di quarantotto ore del delitto dagli uomini della Mobile per ordine del procuratore aggiunto Nicola Gratteri e del pm Sara Amerio. Stando quanto ricostruito dagli investigatori, il trentaseienne reggino da tempo avrebbe avuto una relazione extraconiugale con la donna, della quale sarebbe stato morbosamente geloso. E proprio la gelosia lo avrebbe a puntare la pistola contro l’uomo che tutti conoscevano come Rafa Stojeck, ma che rispondeva in realtà – hanno scoperto successivamente gli investigatori – al nome di Marcin Krol, svuotandogli contro quasi l’intero caricatore, proprio di fronte alla sala scommesse di cui Bruno era socio.
Un luogo che fin da subito ha attirato l’attenzione degli investigatori. Le immagini registrate dalle telecamere dell’impianto di videosorveglianza – hanno ipotizzato gli uomini della Mobile nell’immediatezza del delitto – avrebbero potuto rivelare il volto del killer, per questo – dopo aver tentato invano di contattare il titolare – hanno ordinato ai vigili del fuoco di sfondare serranda e vetrata per acquisire il nastro nel più breve tempo possibile. Ma quel giorno le telecamere del Passion 365 sono risultate stranamente fuori servizio. Nessun fotogramma era rimasto salvato sui computer dell’esercizio commerciale. E soprattutto nessun hard disk avrebbe potuto farlo. Quell’indispensabile dispositivo per un impianto di sorveglianza non c’era o risultava rimosso.
Un particolare che ha immediatamente insospettito inquirenti e investigatori, che proprio sulla sala scommesse e sul variegato popolo che la frequenta hanno deciso di concentrare gli sforzi, partendo proprio da quel socio – Pietro Bruno – che fin da subito è risultato irreperibile.

 

Alessia Candito

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x