Ultimo aggiornamento alle 23:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Vendola suona la sveglia al centrosinistra

COSENZA Con parecchio ritardo sull’appuntamento previsto Nichi Vendola chiude a Cosenza il suo viaggio calabrese per sostenere Gianni Speranza nella sua battaglia per le primarie. La piccola, pazie…

Pubblicato il: 01/10/2014 – 19:48
Vendola suona la sveglia al centrosinistra

COSENZA Con parecchio ritardo sull’appuntamento previsto Nichi Vendola chiude a Cosenza il suo viaggio calabrese per sostenere Gianni Speranza nella sua battaglia per le primarie. La piccola, paziente folla di militanti, cresciuta poi sensibilmente di numero durante il comizio del presidente della Puglia, ha avuto la sua parte di motivazione per affrontare una competizione elettorale che sulla carta sembra essere chiusa tutta all’interno dei competitor del Pd. Ma lo sguardo e le parole che Vendola ha rivolto nel suo comizio cosentino sono stati soprattutto indirizzati ai disastri lasciati dalla «dannosa» stagione del governo di Scopelliti. E per far conto degli errori, delle negligenze, dei ritardi, a Vendola è bastato fare un sommario confronto tra la sua Puglia e la nostra Regione. L’elenco del denaro impegnato in innovazione, nel rilancio sapiente dell’agricoltura e specificatamente nella viticoltura, nella capacità di attrarre investimenti anche stranieri, come quelli della Porsche o della Bosch, rende subito impari ogni forma di confronto con l’appena finito governo Scopelliti.

E proprio sulla fine ingloriosa, suggellata dalla condanna del governatore, Vendola ha facile gioco anche nel criticare i compagni di viaggio di Sel e cioè il Pd. «Anche il centrosinistra deve emendarsi di errori e complicità – ha avvisato – e ora dobbiamo impedire che i peggiori ceffi del centrodestra vengano a bussare alle nostre porte, dando vita al consueto trasformismo». A questo pare servire la candidatura del sindaco di Lamezia, le cui esperienze di governo della sua città, l’impegno antimafia assieme «alla sua determinazione e alla mitezza» devono fare argine contro quella tentazione diffusa nella politica calabrese che è il trasversalismo. Dunque per il segretario di Sel adesso occorre affrontare il primo appuntamento, quello delle primarie, ma subito dopo occorre guardare alle elezioni regionali, liberandosi dell’eredità della stagione appena conclusa, «sulla quale oltre a pesare la condanna inflitta al governatore, aleggia anche il fantasma di un suicidio con l’acido muriatico e il peso della borghesia mafiosa». Il riferimento di Vendola era all’oscura morte di Orsola Fallara, ma con tutta evidenza anche agli interessi che sulla politica calabrese sono cresciuti da parte di un’area della società che ha una qualche prossimità con la ‘ndrangheta. Di qui l’obbligo di cambiare tutto e l’esortazione alle forze della sinistra a non dare spazio a scelte che possano rallentare il cambiamento.

Michele Giacomantonio

m.giacomantonio@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x