sabato, 06 Marzo
Ultimo aggiornamento alle 13:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Utilizzo del Pos, Confartigianato: «Perplessi dal ddl di Ncd»

CATANZARO «Il disegno di legge 1747 presentato in Senato il 22 gennaio scorso dai senatori Aiello, Gentile, Bilardi e Di Giacomo, ci lascia un po’ perplessi. La proposta si concentra sul regim…

Pubblicato il: 11/03/2015 – 11:19
Utilizzo del Pos, Confartigianato: «Perplessi dal ddl di Ncd»

CATANZARO «Il disegno di legge 1747 presentato in Senato il 22 gennaio scorso dai senatori Aiello, Gentile, Bilardi e Di Giacomo, ci lascia un po’ perplessi. La proposta si concentra sul regime sanzionatorio nei confronti di chi non si è adeguato all’obbligo scattato il 30 giugno 2014, ma appare generico nell’illustrazione dei benefici fiscali per chi la legge la rispetta». Lo afferma, in una nota, il presidente regionale di Confartigianato Imprese Francescantonio Liberto, in merito all’utilizzo del Pos. «La proposta, nel dettaglio, prevede che chi non si adegua all’obbligo imposto dal decreto legge 179/2012, su segnalazione della guardia di finanza o dei clienti – prosegue Liberto – sia sanzionato con un’ammenda di 500 euro. Pagata la sanzione, si hanno 30 giorni di tempo per adeguarsi e 60 per comunicarlo alla guardia di finanza. In difetto, scatterà una sanzione di 1.000 euro con un ulteriore termine di 30 giorni per mettersi in regola. Se poi si lascia decorrere anche questo termine, la Gdf disporrà la sospensione dell’attività fino al completo adeguamento alle prescrizioni normative. Per chi rispetta le regole, si prevedono agevolazioni fiscali consistenti nella detrazione dall’imponibile reddituale del costo percentuale di ciascuna transazione eseguita per il tramite del Pos».
«Questo – prosegue Liberto – è uno degli accorgimenti tecnici per la lotta all’evasione che ci trova d’accordo siamo convinti, però, che la previsione sui benefici fiscali sia generica e che debba essere previsto il riconoscimento completo e immediato di azzeramento dei costi per le transazioni a mezzo Pos». Ancora, per Liberto «questo è quanto si auspica Confartigianato Imprese Calabria in favore delle imprese, così da raggiungere realmente un duplice obiettivo ovvero premiare da un lato il professionista o l’artigiano che provveda a dotarsi degli strumenti elettronici di pagamento, dall’altro a tutelare un diritto dell’utente nel caso in cui si veda negata la possibilità di pagare con il bancomat. A ogni modo, Confartigianato invita tutte le imprese e gli artigiani a non farsi trovare impreparati e a recarsi presso le strutture provinciali per la richiesta del Pos, laddove – conclude – ne siano sprovvisti».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb