Ultimo aggiornamento alle 19:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Lamezia: 3652 votanti alle primarie del centrosinistra

LAMEZIA TERME Domenica di voto a Lamezia Terme per le primarie del centrosinistra dalle quali uscirà il nome del candidato sindaco della coalizione alle prossime amministrative. Si vota fino alle 2…

Pubblicato il: 12/04/2015 – 8:14
Lamezia: 3652 votanti alle primarie del centrosinistra

LAMEZIA TERME Domenica di voto a Lamezia Terme per le primarie del centrosinistra dalle quali uscirà il nome del candidato sindaco della coalizione alle prossime amministrative. Si vota fino alle 21 di questa sera in tre punti differenti della città: su corso Numistrano, presso la delegazione municipale, al mercato coperto in piazza Botticelli e nell’ex delegazione municipale di Sant’Eufemia. I dati definitivi sull’affluenza: 3652 votanti (2406 a Nicastro, 983 a Sambiase e 263 a Sant’Eufemia). Alle ore 18, nei tre seggi allestiti in città, avevano votato in 2380 di cui 1510 a Nicastro, 680 a Sambiase e 190 a Sant’Eufemia. In mattinata, il dato si attestava a 1.300 (100 a Sant’Eufemia, 350 a Sambiase e 850 a Nicastro). Quattro i nomi su cui è possibile far convergere il proprio consenso: Vincenzo Richichi, candidato unico del Pd, Andrea Falvo, Tonino Leone e Tommaso Sonni che, invece, sono appoggiati da liste civiche. Fuori dai giochi a 24 ore dalla consultazione l’avvocato Nicolino Panedigrano che, durante una conferenza stampa sulla sanità, ha annunciato di volersi ritirare in quanto «il quadro iniziale delle primarie è mutate».

Quelle di Lamezia sono state primarie molto sofferte. In un primo momento, infatti, il solo Pd aveva cinque candidati che intendevano concorrere e, dopo una fase di lavoro certosino da parte del commissario Pino Soriero, nominato ad hoc dal partito regionale, si è raggiunta la quadratura del cerchio su un solo nominativo, quello di Vincenzo Richichi, già assessore comunale all’epoca in cui era sindaco l’attuale senatrice del Pd Doris Lo Moro.
La matassa nel centrosinistra, però, non sembra essere stata dipanata. Infatti, il candidato che sarà scelto domani, poi, dovrà affrontare una campagna elettorale che lo vedrà impegnato su più fronti, visto che c’è anche Rosario Piccioni (Area Sel e lista civica) che è stato escluso dalle primarie. Incognita rimane Grandinetti che ha chiesto cìgaranzie per continuare ad appoggiare il centro-sinistra anche dopo le primarie altrimenti correrà nuovamente da solo con il suo movimento “Lameziaenonsolo” e con il Centro Democratico di Bruno Tabacci.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x