Ultimo aggiornamento alle 21:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Lanzetta: «Solidarietà non basta, necessarie azioni concrete»

CATANZARO «Occorre che l’Ente Regione, in primis, si muova in diverse direzioni d’intervento, con lo Stato e non solo, per non lasciare spazi al diffondersi della prepotenza e dell’illegalità, fatt…

Pubblicato il: 22/04/2015 – 20:06
Lanzetta: «Solidarietà non basta, necessarie azioni concrete»

CATANZARO «Occorre che l’Ente Regione, in primis, si muova in diverse direzioni d’intervento, con lo Stato e non solo, per non lasciare spazi al diffondersi della prepotenza e dell’illegalità, fattori in grado di incidere e paralizzare lo sviluppo culturale, sociale ed economico dei territori in cui attecchiscono. Altrimenti avremo ogni giorno sempre più cittadini sconcertati e sfiduciati, come già hanno dimostrato con una astensione record del 6o% alle ultime elezioni regionali». Interviene anche l’ex ministro Maria Carmela Lanzetta, per chiedere «proposte e iniziative che facciano intravedere possibili soluzioni» e non mere « manifestazioni di “solidarietà e vicinanza” » dopo l’intimidazione di cui è stato vittima il primo cittadino di Zagarise, Domenico Gallelli. «La macchina bruciata del sindaco di Zagarise è stata preceduta, in pochi giorni, da una bomba ad una farmacia di Lamezia, da due macchine bruciate al responsabile amministrativo del Comune di Badolato, dall’ incendio del gabbiotto con gli attrezzi di lavoro delle ditta che sta operando nell’Istituto Comprensivo Lombardo Radice – Alighieri di Catona» sottolinea Lanzetta, ricordando che anche la Commissione d’inchiesta sul fenomeno delle intimidazione nei confronti degli amministratori locali ha segnalato che «non è più pensabile lasciare i sindaci di piccole realtà misurarsi con quelli che sono diventati dei veri e propri potentati». Anche il Ministro dell’Interno – aggiunge l’ex ministro – audito dalla Commissione, per quanto riguarda i beni confiscati, ha dichiarato che sarebbe necessario, «quando si tratta di un piccolo Comune, che l’assegnazione venga fatta direttamente dalle agenzie alle organizzazioni no profit, evitando di esporre il Sindaco o l’amministratore locale, all’influenza o all’intimidazione mafiosa». Lanzetta coglie infine l’occasione per ricordare «da Ministro stavo percorrendo una strada istituzionale con lo scopo di innescare dei meccanismi di collaborazione con i Comuni in difficoltà, soprattutto nel campo della Legalità e della Semplificazione Amministrativa, cioè quei Comuni che avevano subito condizionamento e infiltrazioni della criminalità. E avevamo iniziato con un protocollo d’intesa con il Comune di Casal di Principe e con altri Comuni, con un vasto settore di interventi e azioni, ben più ampio del solo controllo del territorio o della repressione della micro-criminalità, con il coinvolgimento di Formez e Invitalia».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x