Ultimo aggiornamento alle 21:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 6 minuti
Cambia colore:
 

«La “Piazzetta Calabria” molto apprezzata ad Expo»

Riceviamo e pubblichiamo la replica inviataci dall’architetto Antonio Dattilo, funzionario afferente al dipartimento Presidenza della Regione Calabria, a cui è stato affidato l’incarico di elaborar…

Pubblicato il: 11/05/2015 – 16:22
«La “Piazzetta Calabria” molto apprezzata ad Expo»

Riceviamo e pubblichiamo la replica inviataci dall’architetto Antonio Dattilo, funzionario afferente al dipartimento Presidenza della Regione Calabria, a cui è stato affidato l’incarico di elaborare e realizzare il progetto della “Piazzetta Calabria” ad Expo 2015.

Con l’obiettivo di fornire una corretta e completa informazione vorrei rispondere ad alcune affermazioni riportate dall’articolo pubblicato e dimostrare l’autenticità, la qualità e l’originalità del lavoro svolto dal sottoscritto, illustrando di seguito la genesi e le caratteristiche del progetto della Piazzetta Calabria realizzato. L’attività prevedeva: l’elaborazione della progettazione definitiva per la concessione del parere della commissione di vigilanza integrata; l’elaborazione della progettazione esecutiva per la cantierizzazione; la direzione dei lavori per l’esecuzione del progetto.
Preciso che le suddette prestazioni sono state svolte dal sottoscritto a titolo gratuito nell’ambito degli ordinari compiti assegnati d’ufficio che riguardano, tra l’altro, la cura delle attività inerenti la partecipazione isituzionale ad Expo della Regione Calabria. Il tutto da realizzare seguendo i tempi imposti da Padiglione Italia per Expo 2015 che ha curato il coordinamento di consegne intermedie e degli elaborati progettuali oltre che le riunioni tecniche.
Le richieste del dipartimento Presidenza della Regione Calabria Settore “Cooperazione, internazionalizzazione e politiche di sviluppo euro-mediterranee” per la caratterizzazione e progettazione dell’allestimento riguardavano la creazione di uno spazio che offrisse un’immagine della Calabria innovativa eppure saldamente ancorata alle sue rarità e tipicità e che coinvolgesse i visitatori attraverso una esperienza peculiare, unica, ed in particolare: realizzare un “Angolo di Calabria”, uno spazio raccolto ed evocativo delle identità regionali; dare immediata visibilità alle tante eccellenze dei territori calabresi sia sotto il punto di vista materiale che immateriale; ricreare un elemento di reale conoscenza delle caratteristiche agronomiche calabresi; predisporre spazi adeguati per permettere la realizzazione di brevi tavole rotonde, comunicazioni o presentazioni pubbliche legate ai temi di Expo 2015.
Chi conosce e studia da anni il dibattito inerente l’architettura dello spazio pubblico ed il progetto di architettura in generale come il sottoscritto sa che il confronto con la collettività è il vero obiettivo del progetto e per raggiungerlo si devono fornire risposte ad esigenze, differenti e tra le più varie, interpretando di volta in volta le stesse componenti: quinte che creano lo spazio, elementi vegetali che si mostrano e che occupano nello spazio ruoli rilevanti o meno, arredi per sedersi, sostare, o proteggersi dalla pioggia e dal sole, pavimentazioni più o meno semplici, etc. Gli elementi si ripetono come le note su uno spartito ed il progettista decide quale ruolo e quale forma e funzione dare ad ogni singolo elemento. L’idea di progetto si è caratterizzata subito dalla volontà di realizzare uno spazio chiuso ma permeabile, contenuto spazialmente e che potesse rappresentare attraverso immagini, video, suoni, profumi e sensazioni le peculiarità dei nostri territori. Le componenti dell’allestimento pian piano hanno preso forma guidate da un approccio caratterizzato dal posizionamento di pochi elementi puri disposti nello spazio a disposizione. L’ispirazione è da ricercare in esperienze artistiche legate ad esempio ad opere dell’artista americano Donald Judd ed alla corrente del minimalismo oltre che alle esperienze di artisti quali Studio Azzurro nell’ambito della realizzazione di installazioni video.
L’altra componente richiesta inerente la conoscenza delle ricchezze agronomiche calabresi è stata immaginata eleggendo ad icona una pianta di bergamotto e progettando un piccolo giardino/orto mediterraneo costituito da vasche disposte liberamente nello spazio a disposizione.
Il progetto in sintesi si compone dei seguenti elementi.
1. Una struttura di copertura ombreggiante con teli motorizzati che permetterà la fruizione della piazzetta anche in condizioni meteo avverse o troppo assolate;
2. sette schermi multimediali che servono da “quinte virtuali” e che proiettano in modo sincrono o indipendente gli uni dagli altri filmati inerenti Alimentazione, Agricoltura, Innovazione, Paesaggio, Storia, Tradizioni e Mestieri e riproducendo anche effetti audio legati a usi e costumi calabri;
3. un pavimento sopraelevato che permette il cablaggio degli impianti audio video e alloggia le vasche del giardino mediterraneo oltre ad alcuni punti luce, ed alcuni diffusori di profumi di essenze vegetali caratteristiche, composti da elementi cilindrici di plexiglas trasparente;
4. il “Giardino Mediterraneo” da cui spicca l’elemento iconico costituito da una pianta di bergamotto e che presenta le essenze e le piante autoctone rappresentative dei territori calabresi alloggiate in vasche in lamiera zincata smaltata di differenti dimensioni;
5. uno spazio deposito/cabina di regia/locale quadri, all’interno del quale realizzare la centrale di controllo degli impianti elettrico, audio, video, linea dati. Nello stesso spazio potranno essere riposti arredi mobili e apposite scaffalature utili per la gestione della piazzetta per i tre mesi di utilizzo.
Per garantire la fruizione della piazzetta anche in condizioni meteo avverse o di maggiore irraggiamento solare oltre che per proteggere i ledwall si è realizzata una struttura di copertura ombreggiante metallica con teli motorizzati. I teli potranno permettere la chiusura anche parziale dello spazio in momenti di manutenzione di alcuni elementi o durante il disallestimento.
In particolare gli schermi che permettono di utilizzare una superficie video complessiva di 11 metri lineari di larghezza per 2 mt di altezza, evocano scenari paesaggistici calabresi che avvolgono il visitatore “trasportandolo” virtualmente nel luogo raccontato. Le proiezioni saranno programmate attraverso l’utilizzo di apposite strumentazioni di regia audio video in modo da poter trasmettere singoli contenuti su ogni schermo per esempio di prodotti agricoli o simili o ulteriori contenuti da trasmettere in modo sincrono per creare un’unica visione contemporaneamente su tutti gli schermi.
Al centro della piazzetta un albero evocativo dei territori regionali sarà protagonista attraverso proiezioni di informazioni che comunicheranno caratteristiche agronomiche, valore identitario, profili storici e culturali, e altre informazioni che ne faranno emergere i caratteri di esclusività e valore. Nel giardino mediterraneo il visitatore può sperimentare una conoscenza sensoriale tattile e olfattiva, guardando, toccando ed annusando i prodotti agronomici tipici della regione piantati in piccoli esemplari.
La Piazzetta Calabria già presentata alla stampa in occasione dell’inaugurazione svolta in data 1/5/2015 è stata molto apprezzata dai visitatori e dagli altri espositori che in questi primi giorni l’hanno visitata. Tra gli intervenuti si sono registrati per citarne solo alcuni: il Ministro alle Politiche Agricole e Forestali Maurizio Martina, la Commissaria Diana Bracco Presidente Expo 2015 S.p.A. e Commissario Generale di Sezione per il Padiglione Italia, il dott. Alberto Mina Direttore Relazioni Esterne e Istituzionali di Padiglione Italia, e tutti hanno riconosciuto la funzionalità e l’attrattività del progetto complimentandosi per la realizzazione.
Ribadendo l’assoluta infondatezza delle affermazioni riportate dall’articolo in questione mi riservo di attivare idonee azioni legali a difesa e tutela della mia immagine professionale.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x