Ultimo aggiornamento alle 23:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

CALCIO SPORCO | Gratteri: il controllo dei club è pubblicità per i clan

REGGIO CALABRIA «La ricerca di consensi, di pubblicità, per la ‘ndrangheta, passa anche attraverso il controllo del calcio locale». A dirlo è Nicola Gratteri, procuratore aggiunto di Reggio Calabri…

Pubblicato il: 19/05/2015 – 13:23

REGGIO CALABRIA «La ricerca di consensi, di pubblicità, per la ‘ndrangheta, passa anche attraverso il controllo del calcio locale». A dirlo è Nicola Gratteri, procuratore aggiunto di Reggio Calabria che, intervistato dal programma di Radio 24, “Mix 24”, spiega: «Il calcio è uno strumento, è una forte forma di pubblicità. Essere presidenti o mandare un prestanome come presidente di una squadra di calcio è importantissimo, è un collettore formidabile di consenso».
«Quando diventa presidente di una squadra di calcio – continua Gratteri – è come farsi vedere vicino a un prete, vicino a un vescovo», è «una forma di esternazione del potere per uno ‘ndranghetista. C’è, c’è stato, abbiamo avuto dei preti armati coinvolti in conflitti a fuoco, dei preti – conclude il magistrato – che sono andati anche a testimoniare in udienza, in processi di mafia».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x