Ultimo aggiornamento alle 22:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Violò la privacy su Facebook, condannato

COSENZA Avrebbe pubblicato su Facebook fatti relativi alla vicenda giudiziaria di una persona. Per questo motivo, il gup di Cosenza, Giusy Ferrucci, ha condannato a sei mesi di reclusione M.C, giud…

Pubblicato il: 17/02/2016 – 17:50
Violò la privacy su Facebook, condannato

COSENZA Avrebbe pubblicato su Facebook fatti relativi alla vicenda giudiziaria di una persona. Per questo motivo, il gup di Cosenza, Giusy Ferrucci, ha condannato a sei mesi di reclusione M.C, giudicato con rito abbreviato e accusato di aver violato la legge sulla privacy. Secondo l’accusa, l’imputato senza alcun consenso – come previsto dal Garante per la protezione dei dati personali – avrebbe diffuso sul noto social network i dati giudiziari di una persona, pubblicando sul proprio profilo la sentenza penale di condanna di primo grado emessa dal Tribunale di Cosenza nel 2015 nei confronti della persona offesa.
I legali di quest’ultimo, gli avvocati Pierpaolo Principato e Vincenzo Adamo, hanno evidenziato «l’illiceità delle condotte poste in essere dall’imputato, che, senza alcun consenso ha provveduto a diffondere sul web i dati giudiziari (sentenza con motivazione completa), non rispettando quanto previsto in materia di protezione dei dati personali».
La difesa dell’imputato, che aveva chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato, condizionato alla acquisizione ed emissione del parere dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, ha invece cercato di dimostrare che non ci sarebbe stata nessuna violazione proprio attraverso l’interpretazione di alcune norme del Decreto legislativo, nello specifico relative a casi nei quali il trattamento dei dati potrebbe essere effettuato senza consenso e a casi nei quali sarebbe ammessa la diffusione in ogni forma del contenuto di sentenze o altri provvedimenti. Ma il giudice per l’udienza preliminare ha condannato l’imputato alla pena di sei mesi di reclusione, al pagamento delle spese processuali e al risarcimento dei danni subiti dalla parte civile.

mi.mo.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x