Ultimo aggiornamento alle 23:28
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

“Dirty Soccer”, chiesto il processo per 63

CATANZARO Sono 63 gli indagati coinvolti nell’inchiesta “Dirty Soccer” per i quali la Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio. Lo scandalo sul calcio sporco è sco…

Pubblicato il: 11/06/2016 – 19:12
“Dirty Soccer”, chiesto il processo per 63

CATANZARO Sono 63 gli indagati coinvolti nell’inchiesta “Dirty Soccer” per i quali la Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio. Lo scandalo sul calcio sporco è scoppiato a maggio 2015. Le indagini hanno svelato una serie di combine sportive, perpetrate tra il 2014 e il 2015, che avrebbero inquinato le partite dei campionati di Lega Pro seria B, D ed Eccellenza. Tra le accuse a vario titolo contestate agli indagati vi è, infatti, l’associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva. Dal procedimento sono state stralciate le posizioni di altri indagati – legati ai capi di imputazione che hanno al centro le vicende del Neapolis e del suo direttore sportivo Antonio Ciccarrone, nonché dello stesso Mario Moxedano, presidente della società campana – e gli atti sono stati trasmessi alla competente Procura di Napoli.
L’indagine ha coinvolto calciatori, dirigenti sportivi e allenatori, accusati di essere coinvolti in un illecito giro di combine per assicurarsi le sostanziose vincite delle partite truccate. Lo scopo dell’organizzazione era quello di realizzare «vincite in scommesse ricollegate agli eventi sportivi organizzati dalle federazioni riconosciute dal Coni, scommesse che venivano effettuate dopo aver utilizzato lo strumento della corruzione di calciatori e dei dirigenti sportivi delle società calcistiche coinvolte, al fine di alterare il risultato della competizione, realizzando molteplici delitti di frode in competizioni sportive».
Lo scorso 4 febbraio sono state chiuse le indagini su Dirty Soccer. Ottantaquattro erano gli indagati ai quali venne notificata la chiusura indagini nell’ambito del procedimento sulle presunte combine sportive messe in atto tra squadre di Lega Pro, serie B e serie D, tra il 2014 e il 2015.

ale. tru.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x